Sei in Video

Gli schiacciatori non parlano dell’alzata, la risolvono

La pallavolo come stile di vita, ci può insegnare molto, e Julio Velasco mostra uno di questi lati dello sport, un’idea che va applicata a tutta la vita: Gli schiacciatori non parlano dell’alzata, la risolvono
Gli schiacciatori non parlano dell'alzata

Julio Velasco è stato commissario tecnico della Nazionale italiana maschile dal 1989 al 1996, e della Nazionale italiana femminile dal 1997 al 1998; ha ottenuto grandi successi con la Nazionale italiana maschile nei primi anni novanta con quella che è stata chiamata generazione di fenomeni. Ma come mai questo successo? Julio Velasco è un uomo hce sa motivare i suoi ragazzi, sa come mostrare loro il lato dello sport autocritico, quello dove ogni sportivo è in gara con se stesso e non contro gli altri. Nel video “Gli schiacciatori non parlano dell’alzata, la risolvono” spiega grazie a metafore legate alla pallavolo, come non serve dare la colpa agli altri dei propri errori.

Gaza prima e dopo la guerra

Gaza prima e dopo

Gaza, o meglio Madīnat Ghazza, è la più grande città della Striscia di Gaza, è parte dei Territori palestinesi occupati e, a livello puramente teorico, amministrata dall’Autorità Nazionale Palestinese.

Gaza era una cittadina come tante, con un vita movimentata, cittadini allegri, colori, bancarelle, barche, spiagge, gente sorridente, bambini…. oggi Gaza la si può descrivere con una sola parola… GRIGIA.

Gaza 09

Bellezza Naturale: un Video per Piacersi

Le donne cercano sempre di apparire al meglio, sempre perfette, sempre truccate, la bellezza naturale è difficile da trovare, da accettare.

bellezza naturale

Colbie Caillat

“Truccati, fatti le unghie, arricciati i capelli, corri per un miglio, diventa magra cosi gli piacerai, gli piaci? “

Così comincia la canzone Try” di Colbie Caillat, un’artista statunitense che con questo video vuole sfatare il mito della bellezza ad ogni costo, della bellezza stereotipata, della bellezza da copertina, e vuole rilanciare la bellezza naturale come punto di partenza e punto di arrivo.

“The Scarecrow”: un mondo migliore è possibile!

Schermata 2014-07-18 alle 12.43.15

The Scarecrow“, per credere in  un mondo migliore…

In un mondo fantasy distopico, cioè di una società indesiderabile sotto tutti i punti di vista, tutta la produzione alimentare è controllata dal colosso industriale immaginario Crow Foods. Gli spaventapasseri sono stati tolti dal loro ruolo tradizionale di tutela del cibo nei campi, e ora sono al servizio dei corvi e dei loro piani malvagi per dominare il sistema alimentare. 

Ma ecco che arriva uno spaventapasseri che sogna qualcosa di meglio, e si propone di fornire un’alternativa al cibo insostenibile dalla fabbrica, dove la pubblicità declama la purezza e la naturalezza dello stesso, ma che  in realtà nasconde una terribile realtà fatta di polli gonfiati con antibiotici e mucche sfruttate e conservate in scatole per poter essere munte in serie.

Il lato oscuro del Latte: Video Shock

Il lato oscuro del Latte
Il lato oscuro del Latte, un video sconvolgente, arriva dalla Ong Mercy for Animals Canada, intitolato così non a caso. In questo video viene evidenziato quello che accade normalmente tutti i giorni, a tutte le ore negli allevamenti per la produzione del latte. Una violenza inaudita che farebbe inorridire chiunque.
Poco tempo fa su Facebook girava il video di una ragazza (e sorvolo sul definirla) che prendeva dei cuccioli di cagnolini da un secchio e li gettava in un fiume con la violenza e la foga di chi di solito gioca a lanciare il sasso più lontano. Bene, tutti indignati, tutti a dire di fermare questa persona a invitare le forze dell’ordine a rintracciarla e arrestarla…
Ma le mucche??? Le mucche non sono animali? Non hanno diritto anche loro alla stessa compassione? Allora perché il popolo di internet non si solleva anche per loro?
Forse perché non c’era ancora un documento come questo, un video dove si vedono gli operai sollevare le mucche da terra appese per il collo con delle grosse catene, forse perché non si vedevano ancora le botte, le sprangate che ricevono sul muso, non si sentivano le loro grida di dolore… la loro sofferenza.
Mucche
Il video è stato girato di nascosto nella stalla da latte Chilliwack Cattle Sales, calci, pugni catene su animali terrorizzati, frastornati che si chiedono il perché di quelle botte, perché? Cosa hanno fatto di male?
NIENTE.
Solo che questa gente si diverte così, odia probabilmente il suo lavoro e riversa le sue frustrazioni su esseri impotenti, docili e spaventati.
Il video girato da un impiegato è stato più volte preceduto da segnalazioni di maltrattamento, mai ascoltate.

Il lato oscuro del Latte: Dopo il video le cose sono cambiate?

 Il video è stato trasmesso dalla televisione pubblica ed è diventato un caso nazionale. 8 dipendenti sono stati licenziati e rischiano un provvedimento penale.

Auto ad aria Compressa Zero emissioni e Costi ridotti [Video]

Autoblog-TuttoAuto-Eolo-auto-l-auto-con-aria-compressa

Auto ad aria compressa, con zero emissioni, zero inquinamento, zero petrolio… non è un sogno, ma un progetto elaborato più volte, realizzato ed è ora realtà.

Uno dei personaggi della storia di queste auto etiche è Cyril Guy Nègre un ingeniere francese che progettava i motori per le auto da Formula 1.

Nègre presentò nel 2001, al Motorshow di Bologna un’automobile, da lui definita come rivoluzionaria, funzionante con un motore ad aria compressa, costruita interamente in alluminio tubolare, fibra di canapa e resina, leggerissima ed ultraresistente. Il nome commerciale della macchina era Eolo.

Mamma orsa salva il suo cucciolo [Video]

Il cacciatore di tornado Ricky Forbes, stava guidando attraverso il Parco Nazionale del Kootenay in British Columbia, quando si è imbattuto in un cucciolo di orso caduto dall’altra parte della barricata della strada.

Il video che ha girato mostra come una madre, non importa di quale razza, di quale specie, fa di tutto per salvare il proprio piccolo.

Quando si accorge che il suo orsetto è in pericolo lei scavalca la barriera New Jersey, guarda in entrambe le direzioni e poi afferra il cucciolo fuggisco e lo mette in salvo.

Due minuti e vorrete farvi adottare da un gatto!! [Video]

Questo video è un chiaro esempio di come i gatti siano in grado di stregare qualsiasi cuore. Teneri batuffoli giocattoloni. Ma attenzione, non sono giocattoli. Se decidete di ospitare uno di questi cuori pelosi, dovrete sapere che un gatto è un impegno per la vita. E un gatto può vivere molto a lungo, dai 14 ai 20 anni. Sono animali giocosi, cacciatori di natura, rovineranno qualche mobile e qualche tendina, ma riempiranno una casa. Hanno bisogno di un’alimentazione particolare, non possono mangiare di tutto come molti pensano, se vlete sapere cosa i gatti non dovrebbero mangiare potete leggere questa guida: Gatti: I Cibi Nocivi per il Loro Organismo.

Il Cucciolo che Non Vuole Lasciare la Mamma Morta [Video]

Incurante del freddo e dei predatori della notte, un cucciolo di elefante veglia il corpo della madre morta.

Un dramma emotivo per il piccolo di cinque mesi ritrovato a Samburu, nel Kenya settentrionale. Preoccupati per la sua sicurezza, i detentori del David Sheldrick Wildlife Trust (DSWT), Kenya Wildlife Service e Save the Elephants hanno lavorato tutta la notte per catturare il piccolo che ostinatamente si rifiutava di lasciare il corpo della madre.

Era da un po’ che seguivano l’elefantessa col suo piccolo, la madre è stata male una settimana prima di morire.

Fiona: Cagnolina Cieca Salvata dalla Spazzatura [Video]

Un’altra meravigliosa storia di salvataggi arriva da Hope and Paw  l’associazione di Eldad HagarHope for Pow, che si occupa di salvare i cani senza casa, e del quale avevamo già parlato quando vi avevamo raccontato la storia di  Ralph, un cane difficile da avvicinare ma che alla fine ricompensa con tutto l’amore che può e la storia di Miley il Cane Raccolto dalla Spazzatura e il Suo Amore.

Questa volta si tratta di un cagnolino cieco. L’associazione ha ricevuto una chiamata da un’amica per un cagnolino in una zona dove solitamente non si erano visti cani randagi. E infatti al loro arrivo i volontari non trovarono nessun cane… se non chè, prima di andarsene, una delle volontarie non ha visto muoversi qualcosa vicino ad un mucchio di spazzatura. Era un barboncino grigio.

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655