Sei in Rassegna Etica

10 Frasi di Dacia Maraini che danno voce alle Donne

I sogni sono stracci di nuvole,
scomposti e inconsistenti.
Mi fanno sentire vivo, capisci?
Vivo come non sono mai stato.

Chi è Dacia Maraini? Io la definirei una donna che ha fatto della sua travagliata vita esattamente quello che ne ha voluto, la immagino come una versione soft di Frida Kahlo, purtroppo non l’ho conosciuta di persona ma potrebbe ancora succedere, ma dalle sue interviste o seguendo la sua vita attraverso i suoi scritti, ne deduco che sia affascinante ed elegante ma allo stesso tempo determinata e passionale.

Non perdere tempo con persone che non ti fanno stare bene

Avrai sicuramente avuto intorno a te almeno una volta nella tua vita quel genere di persone con le quali non ti sei mai sentito/a bene: sono quelle che fanno sentire gli altri deboli, sbagliati, incapaci, che smorzano ogni gioia, ogni entusiasmo.

Un po’ come l’ amica che ti ripete per anni che devi assolutamente fare una dieta perché sei sciatta e poi, dopo che tu sei finalmente tornata in forma dopo tanti sacrifici, sentenzia: “Peccato che ora sembri più vecchia di prima”.

Di persone così ce ne sono molte e di tanti tipi diversi, ma hanno tutte un punto in comune: ti fanno perdere tempo e salute.

I migliori libri di crescita personale: la top ten

Nel mondo della crescita personale, della ricerca interiore e della cosiddetta spiritualità circolano innumerevoli testi che promettono la felicità, il raggiungimento del successo, il superamento del dolore. Ma non è tutto oro quel che luccica e l’idea che in un manuale si possa racchiudere il segreto della vita è quanto mai superficiale. Non esistono formule magiche per essere felici perché ognuno di noi ha modi diversi di concepire la felicità. Non esistono scorciatoie per arrivare ai propri obiettivi, semmai strategie per migliorarsi.

10 Benedizioni Irlandesi per Augurare Amore e Gioia

La cultura irlandese riprende molto le loro origini rurali, legate alla terra e alle stagioni, agli animali e alla natura in generale, le radici irlandesi affondano in tradizioni pagane, guidate dal calendario celtico, regolato sia dal ciclo solare che da quello lunare, e dall’ordine di sacerdoti druidi che seguivano i movimenti astronomici.

Le feste più importanti sono celebrate durante la ciclo solare, il quale divide l’anno in due fasi segnate dalla festa di Samhain e di Beltane; il primo novembre la festa di Samhain simboleggia  la parte oscura dell’anno, quando le porte degli inferi si aprono e gli spiriti dei morti tornano a vagare nel mondo terreno; mentre il 1 maggio di festeggia la parte luminosa dell’anno con la festa di Beltaine.

Le 15 Frasi più Belle di Alda Merini

Nacque a Milano il 21 marzo del 1931 Alda Merini una donna che fece della sua vita un’opera d’arte; internata per la prima volta all’età di 16 per un disturbo bipolare passò la sua vita a scrivere opere intense ricche di drammaticità, forse dovute ai suoi disturbi psichiatrici, alla vita vissuta durante la guerra, povera in canna e ricca di orrori o forse dovute al distacco forzato dalle sue 4 figlie perché ritenuta “psicolabile”.

Alda Merini

“La maternità è una sofferenza, una gioia molto sofferta. Da un amante ci si può staccare, ma da un figlio non riesci”  ~ A. Merini

Non farti rubare il sorriso dai ladri di entusiasmo

Quando ti capita di raggiungere un traguardo importante oppure quando ricevi una bella notizia, ti viene voglia di condividere la tua gioia, il tuo entusiasmo, ed è una reazione più che naturale: condividere la propria gioia con gli altri la moltiplica, è per questo che si festeggiano i successi in compagnia.

Tuttavia, ci sono delle persone che ti smorzano, ti tagliano letteralmente le gambe ogni volta che vorresti saltare di gioia: dietro tutto questo, ci sono i ladri di entusiasmo.

Chi sono? Cosa fare per evitare di perdere l’entusiasmo di fronte alle piccole frecce verbali? Come proteggersi? Semplice: bisogna aprire gli occhi su chi abbiamo intorno e scegliere bene.

Un figlio disabile è giunto per mostrarci un mondo nuovo

A volte ci vogliono anni, a volte giunge quasi subito dopo il parto ma è sempre uno shock sentirselo dire: “Suo figlio è disabile”.

Una frase che per alcuni può suonare come una condanna, sopratutto per i genitori che si ritrovano a non dover fare solo i genitori, ma i super-genitori per quel figlio speciale che li inizierà ad un mondo nuovo dove nulla sarà dato per scontato e dove ogni parola, ogni gesto sarà colmo di significato.

Storia e Leggenda degli Gnomi da Giardino

C’è chi li ama e chi li odia e anche chi li vuole “liberare”, sono gli gnomi da giardino, piccole statuette colorate a forma di ometti panciuti e barbuti con un buffo cappello a punta.

La loro storia così come la conosciamo noi comincia nel lontano 1800 in Germania, nell’area mineraria della Turingia, dove apparvero per la prima volta degli gnomi o nanetti di argilla, ma solo nel 1874 vennero utilizzati per la prima volta per decorare i giardini inglesi grazie a Sir Charles Isham che li importò dalla Germania per il proprio giardino; i più famosi produttori di gnomi furono Philipp Griebel e August Heissner che portarono i loro personaggi in tutto il mondo. Ma già nel 1400 rappresentazioni di nani costellavano le ville rinascimentali e manieriste con figure più grottesche e deformi.

Se vedi tutto nero non è il mondo il problema ma qualcosa in te

Anche se ho 35 anni, adoro i cartoni animati: trovo che diano spesso delle lezioni molto profonde e sarebbe un peccato confinarli esclusivamente al mondo dell’infanzia quando pure noi, grandicelli, abbiamo molto da imparare da loro.

Uno in particolare di cui vorrei parlarti oggi, e che illustra alla perfezione il concetto della ruota che gira, è La spada nella roccia: la storia di “Semola”, quell’orfano trattato come uno zerbino ‒ che non potrebbe aspettarsi nulla di più dalla vita che diventare un semplice scudiero (sic!) ‒, questo film mostra quanto, grazie ad una visione più amplia del mondo, si può andare oltre il futuro buio e nero che ci si profila davanti.

Chi ti fa sentire in colpa ti sta usando. Ecco cosa fare

Cos’è il senso di colpa e perché lo proviamo? Perché alcune persone colpevolizzano gli altri e come riconoscere queste subdole tecniche di manipolazione psicologica?

Queste sono alcune domande fondamentali da porsi quando sentiamo di crollare sotto il peso di quei sensi di colpa che in realtà non ci appartengono, perché bisogna dirlo: il senso di colpa non è un emozione che possiamo provare in assenza di interazioni sociali, ma si instaura in un rapporto, quando c’è una connessione tra due parti.

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2018 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655