Archivio : febbraio, 2012

Metano, Diesel o Benzina? Carburanti a confronto.

Quando dobbiamo scegliere una nuova auto da acquistare ci sono molti aspetti da considerare.

L’alimentazione dell’automobile è uno degli aspetti fondamentali per svariati motivi, vediamone alcuni.

Economicità

Quanti Km percorre la stessa automobile alimentata con carburanti differenti con 1€?

Dalle nostre indagini di mercato il Metano è il carburante di gran lunga più economico, seguono il Diesel con un rincaro medio del 40% e la benzina con rincari di ben oltre il 50%.

Va detto che i modelli a Metano Esclusivo presentano anche agevolazioni notevoli sul prezzo del bollo auto che risulta notevolmente basso.

Benzina ricavata dall’olio fritto

L’olio fritto fa male? All’uomo certamente ma non all’ambiente!

Se si raccoglie, si pulisce e si riutilizza può servire in molti casi: per fare il pieno all’autobus oppure per pagare l’illuminazione pubblica.

Insomma può diventare un vero e proprio combustibile!

Questo è un vero caso di riutilizzo intelligente: l’olio, infatti, una volta utilizzato verrebbe buttato andando anche ad inquinare l’ambiente. In questo modo invece si attua un recupero verde: da inutile e dannoso a positivo ed ecologico!

Sfilate di moda a Milano: protesta contro le pellicce

Milano è famosa per le sfilate di moda. Gli abiti di tendenza vengono indossati da splendide modelle che sfilano su e giù lungo le passerelle.

Ma proprio ieri oltre alle modelle anche due attiviste animaliste di Nemesi Animale (il progetto per la liberazione animale) camminavano lungo il percorso. Sono riuscite a salire in passerella e a protestare contro le pellicce tramite cartelli in sfavore dell’uccisione ed del maltrattamento di animali per la creazione di abiti ed accessori destinati all’uomo.

Avon, Mary Kay e Estee Lauder e i test sugli animali

A Pechino si sa, un cosmetico o un prodotto per la persona non può essere messo in vendita se non è testato su animali. Ma perchè dovrebbe interessare a noi se Pechino, in Cina, non autorizza la vendita di questi prodotti? Semplice, le ditte a noi famose per essere “cruelty free” in realtà, per vendere nel mercato Cinese, pagano aziende cinesi affinché conducano i test sugli animali per conto loro. Solamente la catena britannica Body Shop non commercializza i suoi prodotti in Cina, e lo fa esclusivamente perchè è una delle prime ditte cosmetiche che ha fatto del “cruelty free” la sua linea di condotta primaria.

No Tav: leader in gravi condizioni durante la protesta

Luca Abba’, 37 anni, uno dei leader storici del Movimento No Tav della Val Susa ha subito un incidente molto grave: le sue condizioni sono critiche dopo essere caduto da un traliccio in Val Susa. La sua protesta lo ha condotto sopra i fili della luce e questa sua azione forse un pò troppo pericolosa e poco ragionata gli è costata molto cara!

Mentre era a 10 metri d’altezza è riuscito anche a collegarsi via radio e a dire: “Mi sono arrampicato sul traliccio dopo essere sfuggito ai controlli. La situazione è tranquilla e non vedo violenze. Sono riuscito a svicolare. Mi guardavano attoniti. Gliel’ho fatta sotto il naso un’altra volta”.

Facebook: allattamento censurato

Il web si sta scatenando contro la presa di posizione del noto social network Facebook: in questa piattaforma virtuale vengono infatti censurate le foto di donne che allattano!

Il no di Facebook riguarda tutte le immagini di seni nudi, comprese quelle che riguardano l’allattamento!

Allattare al seno non può essere considerato un atto osceno“, ha dichiarato la Presidente dell’Associazione Salvamamme Grazia Passeri.

Questa censura è stata resa pubblica da un dipendente di Facebook contrario a tale politica: il documento con le linee guida che devono seguire i moderatori del social network è composto di ben 17 pagine e tra i presunti abusi da parte degli utenti vi è anche l’immagine delle donne che allattano.

Auto elettriche, nuove colonnine e la Citroen C-Zero a Lucca

auto-elettriche-Le auto elettriche possono essere la salvezza per il nostro futuro e non solo per il portafogli ma anche, e soprattutto, per la nostra salute e quella dell’Ambiente che ci circonda.

Il sindaco Mauro Favilla di Lucca ha annunciato che “L’amministrazione comunale è impegnata su diversi fronti nell’abbattimento dell’inquinamento dell’aria e stiamo anche valutando il posizionamento di colonnine per la ricarica dei mezzi elettrici da mettere a disposizione dei cittadini” il tutto al cospetto della nuova Citroen C0. La nuova auto completamente elettrica e ad emissione zero entrerà a far parte della scuderia dell’amministrazioen comunale che ha annunciato anche l’arrivo di nuove colonnine per la ricarica delle auto elettriche. La loro localizzazione è allo studio del Comune di Lucca e la Gesam.

Dopo Green Hill c’è Harlan

Come Gree Hill anche Harlan è un’azienda che alleva animali destinati alla vivisezione.

Si trova vicino a Monza con sede in un capannone che sembra voglia nascondere cosa viene all’interno: nessuna insegna, nessun numero civico.

Le associazioni animaliste sostengono che in questi giorni sono già arrivati 150 macachi provenienti dalla Cina e altri 750 sono già in viaggio.

Animali destinati ad essere letteralmente torturati e uccisi.

E come per Green Hill anche in questo caso gli animalisti protestano ed insieme a loro l‘ex ministro del turismo Michela Vittoria Brambilla, famosa per le sue battaglie in favore degli animali, ha presentato una denuncia alla Procura di Monza e una ai Nas e anche un’interrogazione parlamentare al fine di indagare le condizioni di salute degli animali.

Il tonno sta scomparendo: diminuito del 60% in 50 anni

La pesca del tonno, praticata senza limiti e ragionamenti, sta facendo scomparire questo pesce!

E’ ciò che è stato scoperto grazie ad uno studio a livello internazionale condotto da un gruppo di biologi canadesi ed europei.

Negli ultimi 50 anni la diminuzione del tonno è arrivata al 60%. Una cifra davvero troppo elevata! Ma come è possibile questa situazione?

La causa principale è la pesca non sostenibile: questo pesce, infatti, vive molto a lungo ma il numero di esemplari che vengono pescati è molto al di sopra della capacità di ripopolamento di questi animali.

Costa Concordia: primo serbatoio di poppa svuotato

Continuiamo a seguire la vicenda della nave da crociera naufragata vicino all’Isola del Giglio. Prima la tragedia dei morti e dei dispersi, ora rimane il rischio del disastro ambientale.

La nave è ancora lì: gigantesca, deserta, rovesciata. Fortunatamente, grazie soprattutto al tempo non avverso, le operazioni di svuotamento dei serbatoi sono iniziate e continuano a buon ritmo.

Ricordiamo che il rischio di fuoriuscita dai serbatoi del carburante è ancora elevato e ciò provocherebbe di sicuro un danno ambientale catastrofico: le acque marine ed i suoi abitanti ne risentirebbero non poco!

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2018 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655