Sei in Inquinamento

Cambiamenti Climatici: 700 Specie a Rischio Estinzione

«L’effetto-clima sulle specie animali e vegetali è un amplificatore della “Sesta estinzione di massa” che l’uomo sta provocando nei confronti della ricchezza della vita sul pianeta. Ma, al contrario delle prime cinque estinzioni già avvenute, non è frutto di fenomeni geologici naturali ma avanza rapidissima ed è causata da una sola specie: l’uomo».

Un duro monito da parte del Wwf, che ha diffuso il report “Cambiamenti climatici e sesta estinzione di massa” nei giorni precedenti l’Earth Hour (l’Ora della Terra) del 25 marzo, il più importante evento mondiale per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle massime autorità politiche mondiali sul riscaldamento globale, la minaccia più incombente per il futuro della vita sul nostro pianeta.

Giornata Mondiale dell’Acqua: Cos’è e Quali Sono gli Eventi Previsti in Italia

La Giornata mondiale dell’acqua,World Water Day, nasce nel 1992 in seguito alla conferenza di Rio, durante la quale le Nazioni Unite decidono di dedicare il 22 marzo a questa risorsa preziosa. In questa data i diversi paesi del mondo sono chiamati a promuovere eventi a tema, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento, approfondendo di anno in anno alcune tematiche.

L’acqua potabile, pur essendo un bene primario per la sopravvivenza, tutt’oggi non è accessibile a tutti: basti pensare che quasi un miliardo di persone nel mondo non ne ha accesso diretto in casa ed è costretto a percorrere lunghi tratti di strada o ad attendere molte ore in coda per poterne beneficiare. L’alternativa? Bere acqua contaminata con tutte le conseguenze che ciò comporta.

Intestino: il Custode del Nostro Benessere

«Tutte le malattie hanno origine nell’intestino».

Antica citazione quanto mai attuale quella di Ippocrate, poiché questo organo a forma di tubo e ripiegato all’interno dell’addome svolge un ruolo cruciale per il mantenimento di una perfetta salute fisica e psichica.

Quale tratto del canale alimentare che segue allo stomaco e sbocca all’esterno con l’orifizio anale, l’intestino risulta fondamentale per il completamento della digestione, l’assorbimento dei nutrienti, l’eliminazione delle sostanze di scarto, il funzionamento del sistema immunitario e la difesa dell’organismo da batteri o altri elementi nocivi provenienti dall’esterno; diviso in due porzioni principali (intestino tenue, che presiede al compimento delle funzioni digestive avviate nello stomaco e all’assorbimento dei nutrienti, e intestino crasso, deputato invece ad assorbire l’acqua e i sali minerali che si trovano nella parte indigeribile degli alimenti e a espellere il cibo non digerito sotto forma di feci), questo prezioso organo ospita un vero tesoro, il microbiota, che costituisce il principale alleato per la nostra salute.

“Tracce nascoste nell’outdoor”: rilevate sostanze tossiche nei capi sportivi

The North Face, Patagonia, Mammut, Salewa, Columbia: sono solo alcuni dei più noti marchi dell’outdoor, nei cui prodotti sono state rinvenute sostanze chimiche pericolose e persistenti, nocive per la salute e l’ambiente. È quanto emerge dal report “Tracce nascoste nell’outdooor”, redatto da Greenpeace.

L’organizzazione ambientalista, che da anni porta avanti la campagna “Detox” per rendere sostenibile il settore dell’abbigliamento, ha analizzato 40 prodotti votati dagli appassionati di tutto il mondo sul sito web dedicato (www.detox-outdoor.org). Si tratta di undici giacche, otto paia di pantaloni, sette di scarpe, otto zaini, due tende, due sacchi a pelo, una corda da arrampicata e un paio di guanti, acquistati da Greenpeace in 19 diverse nazioni e inviati a un laboratorio specializzato indipendente per le analisi. Obiettivo: verificare se contenevano Pfc (composti chimici poli- e per- fluoranti), che non esistono in natura e, una volta rilasciati nell’ambiente, si degradano molto lentamente ed entrano nella catena alimentare, causando una contaminazione pressoché irreversibile.

Elettrosmog: il silenzioso e trasparente inquinamento che ci fa ammalare

elettrosmog

E’ ormai noto, e scientificamente accertato con almeno 25mila studi internazionali a supporto, che le emissioni da elettrodotti, ponti radio, antenne e impianti elettrici di ogni sorta, interagiscono e disturbano i processi biologici di uomini ed animali. Per arrivare a questa conclusione si sono dovuti eseguire studi accurati e protratti per molti anni, dovendo spesso superare anche l’opposizione di una buona parte del mondo scientifico, soprattutto quello che faceva finanziare i propri studi dai diretti interessati. Come nel caso delle multinazionali della telefonia mobile, che per ben 15 anni hanno opposto ostacoli di ogni genere prima di essere costretti a riconoscere la realtà.

Botti e fuochi d’artificio: la lista delle sostanze velenose che disperdono nell’aria

fuochi-d'artificio

Tra pochi giorni tutto il mondo scenderà in piazza per la consueta festa di fine anno. E la tradizione vuole che la notte del 31 dicembre sia spesso illuminata dai tradizionali botti e fuochi pirotecnici.

Questi spettacoli, che per consuetudine accompagnano anche sagre, matrimoni ed eventi di ogni genere, hanno raggiunto un grado di perfezione e bellezza particolari, tanto che qualcuno li vorrebbe promuovere come una nuova forma di architettura. Accompagnando gli spettacoli con della musica sincronizzata, si è anche coniato il termine piromusicale, che comunque è sinonimo di altissimo costo, perchè la corretta realizzazione scenografica necessita di ore ed ore di studio e preparazione.

Pripjat: 45 foto della città fantasma

Entrare a Pryp’jat’ (o Pripjat) è come entrare sul set di un film dell’orrore, sembra tutto così “strano”, lontano da tutto, silenzioso, immobile. eppure questa città era piena di vita una volta. Si prima che un reattore nucleare esplodesse e distrusse tutto.

India: due miliardi di alberi contro l’inquinamento

Inquinamento-alberi

L’India è tra i Paesi più inquinati al mondo.

Un progetto davvero molto interessante che ha il triplice obiettivo di rispettare e salvaguardare l’ambiente, la popolazione che lo popola e che vuole essere un’occasione di lavoro per i numerosi giovani disoccupati. Un progetto contro l’inquinamento.

E’ questo, infatti, quanto avverrà in India, uno dei Paesi di maggiore sviluppo economico ma che, di contro, per favorire una tale industrializzazione ha dovuto sacrificare quanto di “verde” ci sia nel luogo.

Tant’è che la capitale New Delhi, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è la città più inquinata del mondo.

inquinamento

Olio esausto: voi dove lo buttate?

Spesso siamo abituati a gettare nello scarico del lavandino l’olio esausto usato per cucinare. Un errore che non dobbiamo più fare: vi spieghiamo il perchè grazie ad un progetto davvero utile ed interessante.

RECOIL è un progetto realizzato in con il contributo dello strumento finanziario LIFE+ della commissione europea.

Ma cos’è il progetto RECOIL?

Come tutti sanno l’olio minerale delle auto deve essere smaltito secondo rigide normative, questo perché è un potente inquinante. Ma se ci fermiamo a pensare un attimo possiamo capire che anche l’olio vegetale esausto, cioè usato, cotto e a volte bruciato, è anch’esso un rischio per l’ambiente, soprattutto perché viene considerato come un normale rifiuto e la maggior parte delle persone lo getta nel lavandino dopo l’uso.

Auto: entro 10 anni spariranno da Helsinki

Helsinki-auto

Una città senza auto? E’ possibile ed il sogno si potrebbe realizzare a breve.

Fra dieci anni il sistema di trasporto pubblico a Helsinki sarà molto diverso da quello attuale. Il servizio sarà gestito da operatori del trasporto, che faranno in modo di soddisfare le esigenze del cittadino che potrà richiedere ciò di cui ha bisogno con un semplice clic.

Questo sistema non riguarderà solo il trasporto pubblico all’interno della città, ma anche bike sharing, traghetto, carpooling, treno, taxi o tasse di parcheggio nel centro della città.

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655