Regole per l’uso del corpo femminile nelle pubblicità

Laura Boldrini, presidente della Camera, lancia un allarme sulla situazione femminile. Questa la sua dichiarazione: “In Italia solo il 47 per cento delle donne lavora , una delle percentuali più basse d’Europa. Se una donna non lavora, in caso di violenza, non ha autonomia. Per arrivare a proteggerle va rilanciata l’occupazione femminile”.

Ma la situazione difficile della donna non si ferma solo all’ambito lavorativo. La Boldrini denuncia l’uso del corpo femminile nelle pubblicità e dichiara che a tal proposito urgono dei limiti di legge. Ecco le sue parole: “E’ inaccettabile che in questo paese ogni prodotto, dallo yogurt al dentifricio, sia veicolato attraverso il corpo della donna. In Italia le multinazionali fanno pubblicità usando il corpo delle donne, mentre in Europa le stesse pubblicità sono diverse. Dall’oggettivazione alla violenza il passo è breve. Serve più civiltà ponendo delle regole. Basta all’oggettivazione dei corpi delle donne perché passa il messaggio che con un oggetto puoi farci quello che vuoi”.

La sua analisi è veritiera e di sicuro delle regole riuscirebbero a mettere un pò d’ordine nell’uso smodato e libero del corpo femminile all’interno delle campagne pubblicitarie.

Fonte: Repubblica.it

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 06/05/2013
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655