Perchè non dare anche il cognome della madre?

Il presidente della Corte Costituzionale, Franco Gallo, considera “una concezione patriarcale della famiglia” il fatto che ai bambini italiani venga dato solo il cognome del papà.

E su questa linea di pensiero è anche l’associazione Equality Italia che ha lanciato la campagna “Nel cognome della madre“. Lo scopo di questa iniziativa, si legge sul sito dell’associazione, è quello di “chiedere al Parlamento Italiano che sia finalmente approvata una normativa chiara e certa sulla possibilità di scelta del cognome, che sia quello del padre o della madre o di entrambi, così che sia superata l’attuale legislazione, figlia di una visione familiare superata dai tempi e dall’attuale organizzazione sociale”.

E’ dal 1979 che Iole Natoli, giornalista e attiva sostenitrice dell’attribuzione di entrambi i cognomi ai figli, sostiene che venire riconosciuti socialmente solo grazie ad una figura maschile è una situazione che condiziona consciamente o meno molti aspetti della vita di un individuo. Inoltre questa condizione relega la donna in una situazione di marginalità sociale.

Voi cosa ne pensate?

Fonte: Repubblica.it

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 03/05/2013
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655