I mille usi dell’acqua ossigenata

L’acqua ossigenata è normalmente utilizzata come disinfettante per escoriazioni, ferite e ulcere, e la possiamo acquistare in farmacia o al supermercato nel formato classico di boccettino di disinfettante, la sua concentrazione varia dal 3% al 6% (20 volumi) mentre dosi maggiori di perossido di idrogeno devono essere diluite o utilizzate con le dovute precauzioni, essendo corrosiva e abrasiva a volumi maggiori.

La caratteristica che tutti ricordiamo dell’acqua ossigenata sono le bollicine che si formano quando viene versata su una ferita, esse nascono per via dell’enzima catalasi che scinde la composizione del preparato liberando l’ossigeno, ciò comporta che la parte del tessuto necrotizzato si distacchi, porta in superficie lo sporco delle ferite da caduta come terra, erba e batteri, questa è l’azione meccanica di pulizia della ferita ma c’è anche la parte disinfettante che avviene grazie all’ossidazione dei batteri.

In genere i fornitori per laboratori di analisi chimiche indicano la concentrazione percentuale dell’acqua ossigenata, mentre i produttori di articoli destinati all’uso domestico indicano i “volumi“.

Qui di seguito è riportato un elenco con le due misure di concentrazione a confronto:

  • Perossido di idrogeno 3% corrisponde a volumi 10
  • Perossido di idrogeno 3,6% corrisponde a volumi 12
  • Perossido di idrogeno 10% corrisponde a volumi 34
  • Perossido di idrogeno 30% corrisponde a volumi 111
  • Perossido di idrogeno 40% corrisponde a volumi 154

Attenzione che a volumi superiori a 10-34 diventa pericolosa.

Pensate che usata in combinazione con l‘aceto bianco, in uno spray, dei test condotti dal Virginia Polytechnic Institute hanno dimostrato l’eliminazione totale della Salmonella e di E. coli da cucine contaminate con questi batteri. Un risultato del genere è superiore a qualsiasi liquido da cucina o candeggina in commercio.

Ma vediamo in quali altri modi possiamo usarla:

1 – Uccide i germi del cavo orale, usata al posto del collutorio è utilissima contro gengiviti e afte.

2 – Schiarisce denti (usare un cucchiaino di acqua ossigenata diluita al 10% come un normale collutorio), ma prima di utilizzarla è bene sentire il parere di un dentista che valuterà le condizioni generali del vostro cavo orale e dei denti, non è da usare tutti i giorni perchè potrebbe causare ustioni.

3 – Disinfettare lo spazzolino da denti evitando contaminazioni ad esempio di gengivite alle altre persone che vivono in casa e condividono lo stesso bagno dove, in genere, tutti gli spazzolini sono in uno stesso bicchiere. Vi basterà immergere lo spazzolino in un bicchiere contenete sufficiente acqua ossigenata.

4 – Disinfetta le superfici meglio di qualsiasi altro prodotto, ottima per bagni e cucine e potete metterla in uno spruzzino.

5 – Elimina i funghi che causano il cattivo odore dei piedi, fate un pediluvio la sera, prima di andare a letto, per impedire lo sviluppo della tigna e d’altri funghi.

6 – Aiutare nella guarigione di piaghe e usata più volte al giorno può coadiuvare nella regressione di una cancrena della pelle.

7 – Allevia il raffreddore, influenza o sinusite, basta mescolare metà e metà con acqua pura, introdurre con un contagocce nelle narici alcune gocce e poi soffiarsi il naso.

8 – Aiuta a mantenere la salute della pelle perchè può essere utilizzata in caso di micosi.

9 – Disinfetta i vestiti macchiati di sangue o altre secrezioni corporee, mettete i capi in ammollo in una soluzione d’acqua ossigenata al 10% prima del lavaggio normale.

10 – Rimuove gradualmente il tartaro dai denti, vi basterà inumidire lo spazzolino con alcune gocce d’acqua ossigenata ed usarlo normalmente, risciacquando la bocca alla fine.

11 – Schiarisce le macchie sul viso: bagnare la parte che si desidera schiarire usando un cotton-fioc prima di andare a dormire, ripetendo l’operazione fino al conseguimento del risultato desiderato.

12 – Sbianca le unghie: mettere in un pentolino d’acqua calda un cucchiaio di acqua ossigenata, lasciare le unghie immerse in questa soluzione per 10 minuti poi lavarsi le mani. Ovviamente le unghie devono essere pulite e senza smalto.

13 – Toglie l’acqua dal canale auditivo dell’orecchio, basta una goccia di acqua ossigenata per eliminare il fastidioso effetto che spesso capita quando si nuota in piscina o al mare.

14 – Elimina le macchie di vino dai tessuti bianchi, versare un pochino d’acqua ossigenata direttamente sulla macchia e poi lavare normalmente, preferibilmente con acqua fredda.

15 – E’ anche notevolmente utile per lavare la frutta e i vegetali, mettetela in una bottiglietta spray, spruzzate gli ortaggi, lasciate agire qualche minuto e poi risciacquateli con acqua corrente.

16 – Potete rimuovere le macchie dal marmo con l’acqua ossigenata a 111 volumi (attenti a occhi, mani, oggetti e usate sempre i guanti!)

17 – Viene usata per sbiancare il legno, trovate l’acqua ossigenata a volumi maggiori nei negozi di fai-da-te o in ferramenta

18 – E infine l’uso a cui tutti pensano quando si parla di acqua ossigenata… Schiarire i capelli, anche se questo è meglio lasciarlo fare a qualcuno esperto per evitare danni o colorazioni arancionate!

 Ah dimenticavo la parte più importante…. NON INQUINA!

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

 

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 18/04/2013
Categoria/e: Primo piano, Soluzioni Ecologiche.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655