La notizia choc arriva dall’Olanda.

L’anno scorso il tribunale civile di Assen aveva obbligato lo scioglimento del gruppo nato nel 1982 ‘Stitching Martijn‘, un club accusato di contatti sessuali tra adulti e bambini. Il tribunale motivò la sua scelta dicendo che il gruppo andava contro alle norme ed ai valori della società olandese.

Proprio ieri, invece, la corte d’appello di Leeuwarden ha sostenuto che i testi e le foto presenti sul sito web della fondazione non erano considerati reati. Alcuni dei membri  del club furono condannati per reati sessuali ma ciò – sempre secondo la sentenza di ieri – non doveva essere collegato alle attività della fondazione stessa.

I giudici hanno dichiarato che la società olandese è abbastanza «resistente» per poter affrontare «le dichiarazioni indesiderabili ed il comportamento aberrante» promosso dall’associazione in questione.

Dichiarazioni davvero incredibili.

Fonte: Leggo.it

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Una sentenza che ha dell’incredibile: è come affermare che non deve essere vietata l’attività di un’associazione o di un qualsiasi gruppo che in qualche modo promuove la pedofilia.