Da giorni ormai gli animalisti stanno protestando davanti ai cancelli della ex Glaxo a Verona per richiedere la liberazione dei 32 beagle che sarebbero destinati alla vivisezione.

Tra gli animalisti presenti alla manifestazione c’era anche Paola Viola, gestore insieme alla mamma e al fratello, di una farmacia a Costermano nel veronese. E proprio lei ha deciso di prendere una posizione chiara e forte per protestare contro la sperimentazione animale.

Questa la sua dichiarazione: “Abbiamo deciso di mandare indietro l’ordine che avevamo commissionato alla Glaxo fino a quando non saranno liberati i 32 cani. Si tratta di medicinali e prodotti da banco che abbiamo rispedito al mittente in segno di protesta”.

Coraggiosa la dichiarazione di Paola e molto significativa. Speriamo che il suo esempio possa essere da guida anche per altre farmacie: solo in questo modo è possibile mettere la parola fine alla sperimentazione animale.

Fonte: Corriere della Sera

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUI e poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser

Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!