Usa e getta? No, grazie! Eccovi delle alternative

Siamo così immersi nella vita di tutti i giorni (scuola, lavoro, casa…) che talvolta non ci rendiamo conto che le nostre azioni inquinano non poco l’ambiente. L’abitudine dell’usa e getta è ormai diffusa nelle nostre vite e questa pratica porta alla creazione di una miriade di rifiuti che si potrebbero evitare.

Se ci fermiamo e riflettiamo un attimo possiamo comprendere che è un’abitudine davvero malsana e può essere corretta in modo davvero semplice.

Eccovi alcune idee che vi faranno anche risparmiare qualche soldo:

1- I fazzoletti di carta ed i tovaglioli possono tranquillamente essere sostituiti da quelli di stoffa.

2- Bandite i dolci confezionati: oltre che avere imballaggi inquinanti sono di qualità inferiore rispetto a quelli che potreste preparare da soli.

3- Bicchieri, piatti e posate: preferite quelli di vetro o ceramica o comunque di qualsiasi altro materiale riutilizzabile.

4- L’acqua in bottiglia può essere sostituita dall’acqua del vostro rubinetto raccolta in una caraffa. Leggete a tal proposito Vietate le bottiglie di plastica

5- Al rotolo di carta cucina preferite uno strofinaccio.

6- Invece della carta stagnola utilizzate contenitori con coperchio.

7- Invece dei pannolini e degli assorbenti usa e getta preferite quelli di stoffa oppure la famosa coppetta mestruale. Leggete Mooncup, coppetta mestruale etica oppure Pannolini usa e getta: delle vere e proprie bombe inquinanti oppure Gli assorbenti ecologici: un dovere di ogni donna

8- Le batterie monouso possono essere sostituite con quelle ricaricabili.

9- Alle fotocamere usa e getta preferite quelle professionali.

10- Per gli spazzolini da denti ed i rasoi meglio quelli elettrici oppure quelli che mantengono la struttura e c’è da cambiare solo una piccola parte.

11- Bandite le bollette cartacee e consultate tutto via web.

12- Optate per i detersivi alla spina in modo da ricaricare ogni volta il contenitore.

13- No alle penne usa e getta: preferite quelle con le cartucce ricaricabili.

14- Un ultimo consiglio: meglio ritagliarsi un pò di tempo e dedicarsi all’autoproduzione e all’utilizzo di prodotti naturali (Leggete Prodotti ecologici da provare e non lasciare più)

Se pensate che questa sia una missione impossibile leggete cosa è riuscito a fare John Newson!

E voi avete altre idee da suggerirci?

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUI e poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser

Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 18/03/2013
Categoria/e: Ambiente, Inquinamento, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655