Decalogo Montessori: 10 principi educativi

Scrivere un decalogo di consigli in base alla pedagogia montessoriana non è un compito semplice, perché cercare di concentrare un approccio, un pensiero di vita, in poche righe è come raccontare la propria vita ad uno sconosciuto cercando di concentrare gli eventi più significativi in pochi minuti. Ebbene, anche se è un compito “ingrato”, accetto la sfida e ci provo. Al massimo sbaglio! Ma… Sbagliando si impara! E in ogni caso, l’errore sarebbe solo soggettivo perchè ognuno può trarre i suoi 10 comandamenti del metodo, diversi da quelli di un’altra persona. In fondo… siamo tutti diversi! Partiamo dunque…

decalogo-montessori2

1- Il bambino è una persona. Ha un suo pensiero, una sua anima, un suo carattere, una storia da costruire. Merita il rispetto che diamo ad un adulto.

2-L’Ambiente deve essere a misura di bambino: proporzioni adeguate alla statura, alle dimensioni delle mani e delle gambe del bambino; curato, ordinato e semplice sia negli arredi che nei materiali. A tal proposito meglio preferire materiali naturali come il legno e utilizzare oggetti frangibili. Questo permetterà al bambino di esplorare, sperimentare e sbagliare in sicurezza e senza l’intervento dell’adulto.

LEGGI ANCHE —> Consigli Montessori per rendere una casa a misura di bambino

3-Ascoltare e accogliere il bambino e le sue emozioni: che si traduce non solo nella voce e nella parola, ma soprattutto nei gesti, nei silenzi, nei pianti apparentemente immotivati…
Il bambino ha un maestro interiore che lo guida e l’adulto deve essere un aiuto e non un ostacolo; porsi in ascolto e aiutarlo a comprendere le proprie emozioni, dargli un nome, aiutarlo ad esprimerle è un atto dovuto; porsi al servizio di questo maestro interiore e comprendere che non siamo noi i creatori dell’uomo che sarà.

4-Rispettare sempre un bambino che sta lavorando senza interromperlo: un bambino che sta lavorando si sta concentrando. Interrompere un momento di concentrazione equivale a far perdere a quel bambino la possibilità di esercitarsi in ciò che sta facendo ma molto più drammaticamente è la perdita del mattoncino che andrà a costruire l’organo psichico.

decalogo-montessori1

5- Non correggere un bambino in ciò che può autocorreggersi: in questo modo non mineremo la sua autostima e gli insegneremo a valutare la situazione e a cambiare, eventualmente, modo di agire.

LEGGI ANCHE —> Montessori: sbagliare è umano, correggere è diabolico!

6-Scegliere oggetti che contengano in sè l’errore: in questo modo non sarà necessario l’intervento dell’adulto e ciò aumenterà l’autostima del bambino;

7-Non aiutare un bambino se non lo richiede perché: può fare da solo. Rispondiamo al bisogno di autonomia del bambino e non sostituiamoci a lui. Acquisirà sicurezza nelle proprie capacità e ne acquisirà di nuove.

8-I capricci non esistono: se un bambino piange c’è sempre un motivo. Che possa apparire futile o insensato è vero, ma impariamo a domandarci quali corde sono state toccate per scatenare una tale reazione.

9-Presentare sempre i lavori (preparati a dovere, in modo ordinato, contenuti in appositi vassoi) al bambino, prima che compia l’attività: la presentazione è fondamentale per permettere un uso appropriato del materiale e consentire al bambino di comprenderne l’utilizzo e non sentirsi inadeguato o incapace.

decalogo-montessori

10-Misurare il tono della voce. Mantenere un tono basso, calmo, tranquillo, che infonda serenità e accoglienza.

Bene… Questo è il mio decalogo montessori, ma potrei aggiungere tanto e tanto altro come : educare sè stessi prima di educare un bambino, dove educo sta per tirare fuori. Esprimere ciò che si è, uscire allo scoperto, scoprirsi e mettersi in discussione. Evidenziare i pregi e le potenzialità e non sottolineare gli errori.

Sto diventando logorroica… Fermatemi!!! Vivere Montessori vi invita a trovare il Vostro decalogo (montessoriano e non) per crescere bambini sereni e orgogliosi di sè.

Educatrice Manuela Griso

LEGGI ANCHE —> 12 consigli Montessori per ascoltare ed osservare i propri figli

 

Educatrice Manuela Griso

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Educatrice Manuela Griso il 07/10/2015
Categoria/e: Primo piano, Vivere Montessori.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655