Orso ucciso in Svizzera da un cacciatore per “atteggiamenti confidenti”

L’orso viveva in un cantone svizzero ed è stato ucciso da un cacciatore.

Le uniche sue colpe sono state quelle di aver avuto “atteggiamenti confidenti” e di aver causato danni ai contadini e agli allevatori. La legge della Svizzera prevede l’abbattimento di un orso se il suo comportamento è problematico per l’uomo.

Questa la dichiarazione di Massimiliano Rocco, responsabile Specie, TRAFFIC e Foreste del WWF Italia riguardo l’accaduto: “non era un orso problematico, nei mesi scorsi ha solamente mostrato un atteggiamento confidente che non giustifica minimamente l’applicazione della norma, prevista dal Piano di azione svizzero, dietro cui si nascondono le autorità elvetiche. Così si rischia di spazzare via in pochi anni gli sforzi di conservazione messi in piedi dall’Unione Europea e dagli enti italiani per mantenere nelle nostre Alpi un gioiello prezioso come l’orso. Chiediamo al Governo italiano, che al momento ha la Presidenza della Convenzione delle Alpi,  di inviare una protesta formale al Governo Svizzero e di adoperarsi affinchè si esca dalle logiche dei singoli Stati e ci si impegni a gestire la popolazione alpina di orso come una popolazione che appartiene a  tutti i Paesi che condividono il territorio alpino. Simili decisioni non possono più essere assunte unilateralmente.” 

Il WWF ci tiene a precisare che “numerosi progetti europei tra cui il LIFE+ ARCTOS (www.life-arctos.it) ancora in corso, hanno dato chiare indicazioni scientifiche sulle azioni da intraprendere per poter convivere con gli orsi e le altre specie presenti nel territorio alpino ma spesso le indicazioni sono disattese dalle autorità che agiscono invece in base a criteri politici e non scientifici, vanificando così gli sforzi di conservazione.”

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUI e poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser

Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 20/02/2013
Categoria/e: Animalismo, Maltrattamento, Primo piano, Sfruttamento.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655