Ieri, 14 febbraio, era il V-Day: V sta per Valentino, Vittoria e Vagina. Il movimento del V-Day è stato fondato da Eve Ensler, l’autrice dei Monologhi della vagina e proprio lei ha lanciato l’One billion rising (letteralmente vuol dire Un miliardo che si solleva). Una mobilitazione in tutto il mondo contro la violenza.

E a ballare non erano solo le donne ma anche uomini perchè la violenza è un problema di tutti!

Lo slogan di Eve Ensler è «Svegliati, balla, partecipa». Un invito a contrastare la passività e ad utilizzare il corpo – troppo spesso al centro di violenze,  di maltrattamenti fisici, di mutilazioni genitali, di incesto, di schiavitù sessuale – in modo creativo e costruttivo. Ieri si è ballato in tutto il mondo per dire basta!.

Le coreografie di Debbie Allen accompagnano le note di Break the Chain (Spezzare la catena), la canzone diventata ormai l’inno del One billion rising.

Incredibile e meraviglioso vedere in rete video da ogni parte del mondo, danze di uomini, bambini, anziani, balli di indiani, italiani, africani… tutti insieme, come dovrebbe sempre essere, per esprimere un così importante messaggio di vita.

 

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUI e poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser

Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!