Cane condannato a morte perchè è gay

Un cane è destinato ad essere messo a morte, in Tennessee, dopo che il suo padrone lo ha abbandonato perché pensava fosse gay.

Il pitbull sta attualmente languendo in un ricovero per animali sovraffollato a Jackson, ma purtroppo verrà soppresso questo pomeriggio, a meno che un nuovo proprietario non venga trovato all’ultimo minuto.

Secondo il proprietario del rifugio, il padrone del cane, lo aveva notato ‘curvo‘ su un altro cane maschio, il che lo ha portato presupporre che fosse gay.

I cani dominanti maschi sono soliti a “sottomette” altri cani, ma non perchè denotano un comportamento omosessuale ma perchè è un chiaro segno di dominanza.
Il destino del cane ha scatenato un appello frenetico tra gli amanti degli animali, per trovare un nuovo proprietario prima che sia troppo tardi.

Su una pagina Facebook è stato postato il messaggio: ‘Non lasciate che questo cane splendido muoia, se il suo proprietario è ignorante, il comportamento del cane è normale!. E’ in canile e sarà soppresso domani non c’è posto! Il canile apre alle 9 a.m. e lui morirà all’1 p.m. se non si troverà una persona che lo adotti. La tassa di adozione è 38,00$ e che include anche una vaccinazione per la rabbia. Egli sembra essere un pit/american bulldog.’

I biologi hanno registrato lo stesso tipo di attività sessuale in più di 450 specie tra cui fenicotteri, bisonti, scarafaggi e facoceri, ma in nessun caso è segno di omosessualità.

E poi uno studio del 2010 fatto sugli albatros in Alaska ha scoperto che un terzo delle coppie in realtà consisteva in due femmine. La ricerca mostrava anche che circa un quinto di tutte le coppie pinguino reale, tenuti in cattività sono gay.

Gli attivisti dei diritti dei gay hanno riportato questi dati come prova che le coppie omosessuali sono un evento naturale, anche tra gli animali.

Nel libro Esuberanza biologica: omosessualità animale e diversità naturale di Bruce Bagemihl, egli argomenta contro i ‘pregiudizi eterosessisti’, in cui i ricercatori presumono che gli animali sono eterosessuali.

Lo scrittore sostiene che il comportamento omosessuale è stato osservato in 1.500 specie, e ben documentata in 500 di questi.

I suoi esempi provengono da specie diverse come giraffe, farfalle e lamantini – grandi mammiferi marini.

Secondo lo zoologo Petter Bockman, un esperto in materia presso l’Università di Oslo, l’omosessualità talvolta assume un ruolo sociale, per non isolare i maschi indesiderati o membri del branco che non sono dominanti.

In altre specie, i motivi sono meno chiari. Gli uccelli sono complicati,’ dice Bockman. Cosa succede nel cervello degli uccelli è solo congettura.’

Il maschio dei cigni neri spesso cresce i cuccioli, e coinvolge le femmine solo nel processo di riproduzione iniziale. Questo potrebbe essere perché i maschi sono maggiormente in grado di proteggere i cuccioli.

Quindi l’omosessualità negli animali non è un problema, come non lo è nell’uomo, e come sopratutto NON DEVE esserlo per un umano nei contronti di un altro essere vivente, uomo o animale che sia.
Ma ancora peggio è se viene usata come scusa per abbandonare un cane e condannarlo a morte certa se non verrà subito ri-adottato.
Un comportamento che reputo vergognoso… e voi cosa ne pensate?
[Fonte DailyMail]

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUIe poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser

Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!

 

 

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 31/01/2013
Categoria/e: Animalismo, Primo piano.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655