Le aragoste provano dolore. Ma che bella scoperta!

La scoperta è stata pubblicata sul Journal of Experimental Biology: le aragoste immerse vive nell’acqua bollente provano dolore.

Ma questo dato di fatto non si conosceva già? Cosa si pensava fino ad ora? Che i loro movimenti in seguito all’immersione in acqua bollente fossero semplicemente dei riflessi automatici. Fino a questo momento si riteneva che i crostacei non avessero la capacità di provare dolore.

Per giungere a questa conclusione è stato fatto un esperimento sui granchi (altra violenza sugli animali!). Questa la dichiarazione di Elwood Barry, ricercatore: “l’esperimento è stato progettato in modo da poter distinguere chiaramente le reazioni dovute al dolore da quelle generate da un movimento riflesso chiamato nocicezione“. Ed ancora egli afferma: “contrariamente a quanto avviene per i mammiferi per i crostacei non viene adottata alcuna forma di protezione nella convinzione che non soffrano, ma la nostra ricerca dimostra che le cose stanno diversamente”.

Speriamo che almeno questa ricerca abbia effetti immediati e risolutivi sul barbaro e crudele modo in cui aziende alimentari e cuochi trattano ormai da tempo granchi, gamberi e aragoste.

Fonte: Corriere.it

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 17/01/2013
Categoria/e: Animalismo, Maltrattamento, Notizie, Primo piano, Sfruttamento.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655