Rischio ambientale in Alaska: piattaforma petrolifera arenata

Una piattaforma per trivellazioni petrolifere si è incagliata ieri nel golfo dell’Alaska vicino alle coste di un’isola disabitata chiamata Sitkalidak. A causa del mare in tempesta di questi giorni si sono rotti i cavi di traino che la univano ad un rimorchiatore e così ha iniziato ad andare alla deriva.

Si tratta della Kulluk della Shell e a bordo si trova un carico di quasi 600 mila litri tra carburanti e oli. Il rischio che si teme è il disastro ambientale. Le squadre di emergenza della Guardia Costiera americana sono infatti pronte ad agire ma non possono intervenire a causa del mare in tempesta: un ostacolo che fa temere il peggio.

La situazione per ora è sotto controllo. Queste le parole del portavoce della Guardia Costiera: “non ci sono segni di perdite. Come misura precauzionale, un’operazione di emergenza su vasta scala è stata approntata, ma il fatto è che non ci sono perdite di prodotti chimici in mare”.

Attendiamo ulteriori sviluppi sperando che la situazione meteo migliori permettendo così alla squadra di emergenza di intervenire.

 

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 02/01/2013
Categoria/e: Ambiente, Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655