Si parla ancora di sigarette elettroniche. Poco tempo fa Eticamente ha scritto un articolo in merito che potete leggere a questo link -> Sigarette Elettroniche al Centro di un acceso dibattito

Ora arriva un parere da parte dell’Istituto superiore di sanità. Nelle 20 pagine del documento queste sigarette vengono criticate e a tal proposito si legge: “le sigarette elettroniche con nicotina sollevano preoccupazioni per la salute pubblica. Potrebbero rappresentare un rischio di iniziazione al fumo convenzionale a base di tabacco e di potenziale dipendenza. Rischio notevole soprattutto per i giovani considerando la facilità di reperimento su Internet”.

Si legge ancora che sono accusate di aumentare la probabilità di ri-inizio al fumo in chi ha già smesso ed inoltre devono essere considerate delle vere e proprie medicine e non prodotti del tabacco.

L’unico vantaggio che avrebbero è quello di essere più “sane” rispetto alle sigarette tradizionali: ma ciò non vuol dire che anch’esse non siano dannose. Oltre a questo pseudovantaggio la bocciatura è su tutti i fronti!

In paesi come Australia, Canada e Norvegia sono vietate. In altri vengono usate solo come medicine.

E’ il caso che anche l’Italia prenda una chiara posizione in merito visto che ora le boccia ma nel frattempo i negozi specializzati nella loro vendita sono sempre più diffusi.

Fonte: Corriere.it