Aura, la lampada fiore

Scienza, tecnologia e natura tre cose imprescindibili, tre cose legate, tre parti della nostra esistenza che non si possono separare, indiscutibile il fatto che posso legare la tecnologia alla natura e che la scienza prende vita proprio da essa.. e sembra proprio voler dire questo il tedesco Viktor Alexander Kolbig che ha creato per la sua tesi all’HfG Schwäbisch Gmünd una sorta di “legame” tra le tre cose.

 Aura è il nome del suo progetto, Aura non è nient’altro che una lampada. Si ma una lampada molto particolare, costituita da un vasetto in vetro con un fiore o una pianta al suo interno.

L’apparenza e il nome così poetico ed etereo non devono ingannare, perchè c’è molto di più dietro, infatti basta un tocco delle dita per trasformare il semplice oggetto ornamentale in una vera e propria lampada cambiacolore.

La lampada è costituita da un vasetto in vetro e acciaio che nasconde un piccolo modulo per l’illuminazione. Un sensore nascosto che modifica la luce al LED quando le radici, le foglie o lo stesso fiore della pianta vengono sfiorati. A completare l’opera, un piccolo dispositivo senza alcuna connessione elettrica collegato alla pianta che crea un effetto quasi fatato alla composizione.

Il recipiente in acciaio intagliato nasconde al suo interno una serie di lampade con dei LED RGB, collegate con le varie parti della pianta.

Quindi basterà un tocco leggero delle dita sulle parti della pianta, collegate ad un circuito elettrico sul vaso idrorepellente e a prova di graffio, per fare illuminare le piccole lampadine a LED inserite nel contenitore di Aura e, sempre con il tocco leggero di una mano, si potrà anche far cambiare il loro colore.

Il sistema Aura è stato uno dei temi affrontati nella mia tesi“, spiega Viktor Alexander Kolbing. “Il mio obiettivo era la ricerca, l’analisi e lo sviluppo di un nuovo modo di interagire tra nuovi prodotti e l’uomo. Ogni oggetto ha un proprio utilizzo. Il solo legame tra i tre oggetti è come io stesso rendo l’esperienza luminosa più poetica rispetto a quel che è stato fatto finora con le lampade di tutto il mondo“.

 

Guardate questo video per capire meglio di cosa si parla, del connubio tra scienza, tecnologia e natura…

 

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUIe poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser

Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 27/12/2012
Categoria/e: Ambiente, Primo piano, Soluzioni Ecologiche.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655