“Fate la nanna”: il metodo Estivill sull’addormentamento infantile viene ridimensionato dal suo stesso autore

Edward Estivill è un neuropsichiatra spagnolo che nel 1999 ha pubblicato il famoso libro “Fate la nanna” sul sonno infantile. Il libro ha venduto milioni di copie ed è famoso in tutto il mondo. E’ stato però molto criticato per i metodi educativi non proprio rispettosi del bambino.

Il metodo Estivill, in sintesi, consiste nel mettere il bambino a letto nella sua camera ancora sveglio e di ‘educarlo’ ad addormentarsi da solo, attendendo intervalli di tempo ben precisi prima di ritornare da lui, anche se piange.

Tantissimi genitori di neonati hanno e stanno seguendo tuttora questo metodo credendo, purtroppo, di fare la cosa giusta. In realtà anche se l’obiettivo viene raggiunto (ma non è sempre così!) è la salute psicofisica del bambino che ne risente: il bambino dopo un pò smetterà di piangere perchè comprende che nessuno risponderà ai suoi bisogni. Non è una conquista ma una rassegnazione e che insegnamento abbiamo trasmesso in questo modo?

Ebbene, lo scorso 27 settembre Estinvill è stato intervistato dalla rivista spagnola “El Paìs” ed ha rilasciato una dichiarazione: egli stesso ha ritrattato riguardo la validità scientifica del suo metodo invitando tutti a leggere il suo nuovo libro aggiornato con nuove informazioni! Potete leggere l’intera intervista a questo link http://www.elpais.com/edigitales/entrevista.html?id=9446

Queste le sue parole:

“Di recente abbiamo pubblicato il libro ‘A dormire’, che costituisce un aggiornamento sulle conoscenze riguardanti il sonno infantile. In esso spieghiamo alcune regole per insegnare ai bambini a dormire correttamente conciliando l’allattamento al seno; infatti gli studi scientifici che abbiamo pubblicato sulla rivista spagnola di pediatria sono stati condotti in bambini allattati al seno a richiesta. Nel cervello dei bambini c’è un gruppo di cellule che è il nostro orologio biologico e che ci indica che dobbiamo dormire di notte e stare svegli durante il giorno. Come altre strutture del cervello infantile, questo orologio biologico alla nascita è immaturo. Pertanto i bambini dormono a tratti e, fino a sei mesi di età, non possono dormire di fila per tutta la notte. Le regole spiegate in ‘ Fate la nanna’ valevano per i bambini a partire dai tre mesi che soffrivano della cosiddetta insonnia infantile per abitudini scorrette’. Tali norme non possono essere applicate con i bambini più piccoli a causa dell’immaturità del loro orologio biologico. Occorre praticare altre routine, rispettando l’allattamento materno a richiesta per insegnare a questo orologio biologico a sincronizzarsi con l’ambiente e così raggiungere i sei mesi con un sonno notturno adeguato di circa undici ore e tre sonnellini durante il giorno: una dopo la prima colazione, una dopo pranzo e una dopo la merenda. Nel nostro libro ‘A dormire’ spieghiamo queste nuove conoscenze scientifiche e diamo le linee guida appropriate perché il bambino, seguendo l’allattamento a richiesta, possa arrivare a strutturare correttamente il suo sonno”.

La capacità del dormire tutta la notte è come la capacità di camminare: non si possono insegnare, sono conquiste naturali!

Cerchiamo di rispettare i nostri bambini: il loro pianto non è un capriccio ma solo un modo di comunicarci un loro disagio e ciò vale soprattutto per i neonati e per i bimbi più piccoli. Sta a noi aiutarli a crescere consolando il loro pianto e rendendoci contenitore costruttivo delle loro paure.

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 17/12/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655