Si ritorna a parlare della tanto amata “Nutella”. Già in passato, infatti, la filiale statunitense della Ferrero (l’azienda produttrice della crema al cioccolato e nocciole più diffusa al mondo), fu condannata da un tribunale americano a pagare un risarcimento di oltre 3 milioni di dollari per una pubblicità definita «ingannevole» trasmessa negli Usa e che descriveva la Nutella come un prodotto «nutriente» e «salutare». Una mamma di San Diego intraprese questa causa legale perchè scoprì che la Nutella aveva al suo interno «pericolosi livelli di grassi saturi» e molte calorie.

Ora è la Francia a dichiarare guerra alla Nutella. In particolare il nemico numero uno questa volta è l’olio di palma contenuto in tantissimi prodotti e tra questi il più consumato è proprio la Nutella.

Queste le parole del ministro del Budget Jerôme Cahuzac“Produrre olio di palma provoca deforestazioni massicce che compromettono l’ecosistema”.

La commissione degli Affari sociali del Senato ha adottato mercoledì un emendamento che prevede di aumentare del 300% la tassa sull’olio di palma. Il relatore della commissione Yves Daudigny dichiara a tal proposito: “La sovratassa sull’olio di palma è un segnale alle industrie agro-alimentari perché sostituiscano questo ingrediente con altre sostanze meno dannose. L’olio di palma è molto usato perché costa poco ma è troppo ricco di acidi grassi saturi nocivi per la salute”.

L’olio di palma è dannoso per l’ambiente e anche per la salute umana: leggete questo nostro articolo dove viene approfondita la questione http://www.eticamente.net/1984/olio-di-palma-perche-e-da-evitare.html

La soluzione migliore? Autoprodursi la crema di nocciole, proprio ieri vi abbiamo scritto un articolo con la ricetta: http://www.eticamente.net/6152/crema-di-nocciole-senza-latte-vaccino.html