Una persona forte non crolla, non si arrende, trova sempre una soluzione; una persona forte è quel tipo di persone che ti tira su nei momenti più difficili, ha sempre la risposta giusta da dare e soprattutto sa badare a se stessa; una persona forte non chiede mai aiuto perché non ne ha bisogno: se aiuta sempre gli altri, come potrebbe avere bisogno di aiuto?

Tutto ciò che ho scritto qua su è falso, anche se la maggior parte delle persone lo pensa realmente.

La solitudine delle persone forti

tristezza e dolore

“Le anime più forti sono quelle temprate dalla sofferenza. I caratteri più solidi sono cosparsi di cicatrici.”
— Khalil Gibran

Conosciamo tutti quella persona che ha fatto dell’essere forte il suo motto personale. Di solito è la prima persona a dare una mano, a sostenere gli altri, a farsi in quattro pur di essere d’aiuto, ma c’è una cosa che quella persona non dirà mai: non dirà mai che a volte le capita di sentirsi il peso del mondo sulle spalle, di sentirsi profondamente sola e di aver bisogno di una mano tesa, di una parola di conforto, anche di un semplice “andrà tutto bene” e che a volte, quando è al riparo degli sguardi indiscreti, le capita di crollare.

Forte non si nasce, si diventa

Ci sono delle persone che ammiriamo profondamente per la loro forza interiore: sono quelle che hanno vissuto le cose peggiori ma che riescono a sorridere alla vita lo stesso, quelle che non sono state risparmiate dalle prove più dolorose e che, invece di pensare a loro stesse, sono le prime a tendere una mano agli altri.

“Il dolore di ieri è la forza di oggi.”
— Anonimo

Cosa hanno di diverso quelle persone straordinarie? Principalmente due grandi qualità: resilienza e compassione. Sono persone che hanno imparato a rialzarsi ogni volta che cadevano e sanno cosa si prova a sentirsi soli di fronte al mondo, col cuore spezzato tra le mani; motivo per il quale quando vedono una persona che necessità di aiuto, sono le prime ad offrire una spalla sulla quale piangere.

Tuttavia non sono nate così, lo sono diventate: essere forte non è stata una loro scelta ma una necessità, non potevano fare altrimenti.

Le persone forti non sono delle rocce, sono umane

persone forti piangono

Le persone forti sono però un vero paradosso: la loro forza è anche la loro più grande debolezza. A furia di voler essere una rocca per tutti, capita che si sentano sgretolare da dentro e di avere bisogno di aiuto.

“La mia debolezza… Qual è la mia debolezza? Dovrei pensarci. Probabilmente avrei lo stesso problema nel rispondere se mi chiedeste qual è la mia forza. E forse sono la stessa cosa.”
— Al Pacino

Come mai? Semplice: l”unica persona che spesso le persone forti si dimenticano di aiutare e di ascoltare, purtroppo sono loro stesse.

Chi aiuta le persone forti?

amarsi

Abbiamo spesso una grande ammirazione di fronte alla loro forza interiore e quando capita di sentire o sapere che hanno bisogno di aiuto, ci tiriamo indietro perché non sappiamo come o cosa fare: come si fa ad aiutare una persona in grado di aiutare sempre gli altri, se lei per prima non riesce ad aiutare se stessa?

“Se io non sono in grado di rialzarmi da solo/a, come potrei aiutare quella persona che ce l’ha sempre fatta? Non ne ho le capacità. Non potrei aiutarla anche se volessi.”

Questa è un’altra affermazione sbagliata. Una persona forte è prima di tutto una persona umana, con i suoi alti e bassi, col bisogno di sentirsi compresa, amata e protetta ‒ perché può capitarle di sentirsi vulnerabile in alcuni frangenti.

Provare un momento di debolezza non ti rende meno forte

Capita spesso alle persone forti di sentirsi tremendamente sole in quei momenti, di avere l’impressione di non poter far vedere le proprie debolezze, di non averne proprio il diritto. Spesso infatti siamo noi ad alimentare questo sentimento con delle frasi per noi incoraggianti ma che possono pesare in modo significativo sulle loro spalle: “Tu sei una persona forte, ti rialzerai“, “Se tu che aiuti sempre gli altri non riesci a tirarti su, chi può farlo?“, ecc.

È come se loro non potessero cadere, sentirsi giù di corda, come se non gli dessimo il diritto di essere altro che forte, trasformando quel pregio in una vera condanna.

Certo, una persona forte è resiliente e sa come rialzarsi ma sentire la vicinanza di qualcuno che gli dia semplicemente il diritto di provare quel momento di debolezza, e gli dica che va bene così perché provare debolezza non la rende debole ma semplicemente umana, può aiutarla a riconoscere i suoi bisogni, a capire che il suo valore non dipende da ciò che riesce a fare e che ognuno di noi, lei compresa, ha il diritto di non essere sempre al massimo. Non siamo delle macchine, siamo umani con alti e bassi e va benissimo così.

sostenere una persona depressa

Le persone forti non hanno bisogno di molto: a volte hanno solo bisogno di confidarsi, di svuotare il sacco, di sapere che sono amate a prescindere della loro forza d’animo, che non sono sole, che POSSONO essere altro che sempre forti e che questo non le rende meno meritevoli.

A te, che sei sempre forte…

Tu hai il diritto di piangere, di non rialzarti come se nulla fosse, di decidere di rimanere sdraiato a terra per un po’,
Hai il diritto di stare nel tuo buio senza che qualcuno venga a dirti che vali di meno per questo,
Hai il diritto di provare rabbia, tristezza, delusione,
Hai il diritto di dire “no”, “oggi non me la sento” e di chiedere aiuto,
Hai il diritto di cadere, sbagliare, e anche di provare dolore senza doverlo nascondere,
Hai il diritto di pensare a te, di avere cura di te e non solo degli altri,
Hai il diritto di sentirti amato/a per come sei e non solo per ciò che fai,
Hai il diritto di non dovere giustificare i tuoi bassi perché non sono una colpa,
Hai il diritto di essere imperfetto/a, semplicemente umano/a, di non dover essere sempre al massimo,

Ma soprattutto, non hai bisogno di essere sempre forte per essere amato/a.

 

Sandra “Eshewa” Saporito
Autrice e shamanic storyteller
www.risorsedellanima.it