Vive su un albero per salvarlo

Accade in Australia, più precisamente nelle foreste del Sud della Tasmania. Lei si chiama Miranda Gibson ed ha deciso di vivere sopra ad un albero ad un’altezza di circa 60 metri. La sua casa è diventata una piattaforma costruita sul “The Observer Tree”, un Eucalipto altissimo.

IL motivo di questa coraggiosa scelta? Protestare contro l’industria forestale che vuole abbattere l’eucalipto e i tanti alberi che appartengono alla foresta. La scelta di vivere sopra ad un albero sta facendo scalpore ed in questo modo l’opinione pubblica ne parla ed il mondo ragiona.

Le foreste della Tasmania sono infatti note per il loro grande sfruttamento a causa del commercio di legname.

Miranda vive su quest’albero ormai da dieci mesi e grazie ad un pannello solare può utilizzare il computer e raccontare la sua esperienza. E’ possibile infatti seguirla e comunicare con lei tramite Facebbok a questo link http://www.facebook.com/ObserverTree oppure tramite il suo blog http://observertree.org/

Queste le parole della ragazza: “L’albero che è la mia casa dal 14 dicembre dello scorso anno è parte di 572.000 ettari di foresta  al centro del dibattito, già riconosciuta da numerosi esperti per il suo valore come patrimonio mondiale”. Naturalmente al commercio di legname ciò non importa.

E così Miranda ha deciso per questa via di protesta sperando che qualcuno l’ascolti. La vita sull’albero è ambivalente: splendida per il contatto con la natura e le sue meraviglie ma anche complessa.

Questa la sua testimonianza a riguardo: “devo fare il bagno con un secchio di piccole dimensioni. E trasporto ogni volta fin qui tutto quello di cui ho bisogno con una lunga corda, contando sul sostegno della comunità per le donazioni di cibo. Per fortuna tante persone che visitano la piattaforma mi sostengono e mi ispirano. E mi aiutano a superare la parte più difficile di questa esperienza, la solitudine e la separazione dai miei cari”.

Prima di lei già un’altra donna aveva intrapreso questa protesta: Julia Butterfly Hill è diventata famosa per aver trascorso due anni della sua vita sopra ad una sequoia in California.

Miranda dichiara a tal proposito: “Mi auguro, per il bene delle foreste, che non avrà bisogno di battere il record mondiale detenuto da Julia Butterfly Hill. Non importa quanto sarà difficile. Ci sono momenti in cui mi sento rapita dalla bellezza di questa foresta. Il rivestimento di neve in tutto il bosco in inverno, il cielo punteggiato di stelle, le notti d’estate o le aquile che volano in cielo. Ho visto le stagioni che vanno e che vengono. E con loro, una nuova vita nella foresta. Nonostante la nube di incertezza che si profila sul suo futuro, e sul mio, io resterò su questo albero per tutto il tempo che sarà necessario, fin quando la foresta riceverà la protezione che merita”.

Una donna da ammirare, un esempio da seguire.

 

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 04/11/2012
Categoria/e: Ambiente, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655