Fare un cammino di consapevolezza non rende buoni ma scomodi e incompresi

Negli ultimi anni la New Age, letteralmente “Nuova Era”, è diventata un’espressione obsoleta, rimpiazzata dal termine spiritualità,  che Wikipedia descrive come segue: “…La spiritualità, all’interno di una grande varietà di concezioni culturali e religiose, è spesso vista come un percorso, o cammino spirituale, lungo il quale si avanza per conseguire un obiettivo determinato, quale ad esempio un più alto stato di consapevolezza, il raggiungimento della saggezza o la comunione col divino in termini di trascendenza o di immanenza, il che solitamente presuppone una qualche forma di liberazione dalla materialità. Il mito della caverna di Platone, contenuto nel VII libro de La Repubblica, è una buona descrizione di un siffatto cammino.

A grandi linee oggi è questa l’accezione più comune del termine, se non fosse che nell’ambito della spiritualità si fa entrare di tutto, inclusi percorsi che hanno molto più a che fare con “realizzazioni” di altro genere. I percorsi di miglioramento personale più diffusi e quotati promettono infatti il raggiungimento di obiettivi come salute, successo, serenità, benessere e la tanto osannata consapevolezza. Fatta eccezione per pochi, molti coach, guru o comunque li si voglia chiamare, dribblano abilmente le “seccature” del viaggio per offrire ai partecipanti formule preconfezionate che consentano di conseguire, possibilmente in tempi rapidi e in modo indolore, gli obiettivi prefissati. L’oscurità, d’altra parte, è guardata con sospetto, così come ogni forma di giudizio e contrarietà. Essere spirituali oggi significa (spesso) essere positivi a prescindere, essere sempre e comunque grati, non porsi troppe domande perché l’universo di per sè è perfetto, a prescindere, non avere troppi dubbi e ottenere risposte (rapidamente). E’ davvero così o è l’ennesima illusione?

La consapevolezza assicura il successo e il benessere?

consapevolezza

La realizzazione spirituale, in questo panorama confuso, diventa sinonimo di soddisfazione dei propri desideri, che a volte sono più che altro capricci. La domanda sorge spontanea: raggiungere la consapevolezza, scoprire la propria vocazione autentica (che ha profondamente a che fare con la consapevolezza), “individuarsi” per dirla alla Jung, significa assicurarsi una vita all’insegna del benessere? Molti coach ci dicono che una volta scoperta la propria strada, voilà, la vita diventa improvvisamente un sogno paradisiaco. E’ davvero così? E se la felicità consistesse in una vita piena, con tutto ciò che comporta nel bene e nel male, anziché in una vita serena?

La storia ci parla continuamente di grandi uomini e donne che hanno sacrificato o addirittura perso la vita in nome dei propri ideali, personaggi senz’altro consapevoli del loro compito o potremmo dire della loro vocazione. Pensate a Gandhi e alle sue pacifiche “lotte” in nome della non violenza. Di certo, come lui stesso affermò, non fu una vita facile la sua: “La mia vita è stata piena di tragedie e se esse non hanno lasciato alcun tipo di visibile e indelebile effetto su di me, io devo questo agli insegnamenti del Bhagavad Gita (testo sacro induista)“.

E che dire di un Mandela, incarcerato per ben 27 anni nella prigione di Robben Island, accusato di viaggi illegali all’estero e incitamento allo sciopero. Mandela, riferendosi alla libertà, disse: “Non c’è nessuna strada facile per la libertà!“.

Nella vita di ognuno di noi non sarà indispensabile arrivare a tanto ma i loro esempi dovrebbero perlomeno farci riflettere: siamo sicuri che la consapevolezza autentica vada di pari passo con il successo comunemente inteso o che le due cose siano in qualche modo collegate? Siamo certi che scoprire per cosa siamo venuti al mondo, ovvero la nostra, vocazione renda la vita più facile, appagante e serena? O forse stiamo confondendo le cose?

Il cammino della consapevolezza comporta rischi 

Claudio Marucchi,  laureatosi in “Religioni e Filosofie dell’India e dell’Estremo Oriente”, nell’intervista “Sprofondando all’interno – conversando di esoterismo con Claudio Marucchi” pubblicata sul sito www.wordsocialforum.com, afferma:

Nell’India vedica, la ricerca della felicità era considerata il livello più infimo del percorso di realizzazione, qualcosa che ci rende più simili alle bestie che al divino. Un sorriso inebetito dipinto sul volto oggi viene scambiato per sintomo di “risveglio”. Sembra che gli zombi si credano improvvisamente “viventi”, dimenticando di essere comunque, innanzitutto, “morti”. In compenso, tutto ciò che ha sempre consentito un contatto profondo con il proprio centro – l’estasi ed il dolore, la notte, la solitudine, l’emarginazione, le tenebre, la discesa, il vuoto e persino il terrore – vengono considerati come sintomi di distanza dallo spirito, vissuti come errori, o problemi da evitare. Si sono rovesciati i termini: se stai bene sei realizzato spiritualmente, il che è l’opposto di tutto ciò che ha contraddistinto i cammini interiori, costellati di cadute e risalite, di follia e dolore, di estasi e di emarginazione… La finzione del benessere è scambiata per spiritualità. Il culto della propria salute è confuso con la spiritualità. Un insieme di frustrazioni attende i cultori di questa falsificazione.”

realizzazione-spirituale

Marucchi sottolinea che la spiritualità odierna è molto legata a concetti come purificazione, pulizia, salute, luce, benessere e assolutamente distante dalle tenebre, dal mischiarsi, dalla perdita di controllo, che hanno invece un ruolo fondamentale per chi intraprende un percorso di questo tipo. Se poi tutto questo viene impachettato e venduto sotto forma di metodo/tecnica, l’occidentale abbocca facilmente perché il “metodo” risponde alla nostra esigenza di pulizia, controllo, organizzazione, classificazione, delimitazione.

Questo significa che gli occidentali non possano seguire percorsi simili? Assolutamente no, ma illudersi di poter accedere alla consapevolezza con qualche corso, scuola o lettura illuminata, è di per sè improbabile. Perché l’obiettivo di percorsi simili, se autentici, non è la realizzazione egoistica dei propri desideri, che ciò nonostante possono esaudirsi, ma qualcosa di indicibile, profondo, realmente esoterico, nel senso di “interiore” e “nascosto”, qualcosa che può fare male a chi non è pronto e che pertanto deve rimanere segreto.

Perché non provare a chiederci fino a che punto, in nome della cosiddetta consapevolezza, siamo disposti a rinunciare allo status quo e alle certezze accumulate nel tempo.

Cosa desideriamo nel profondo del cuore? ll successo? L’ammirazione altrui? La fama? Il denaro? E se tutto questo ci fosse negato, perché la nostra vocazione autentica non comporta realizzazione terrena, saremmo disposti a seguirla? E se sapessimo che il raggiungimento della consapevolezza ci renderà la vita meravigliosa, ma difficile e complicata, lo desidereremmo comunque?

Queste domande possono aiutarci a capire se esiste in noi un autentico desiderio di vedere oltre l’apparenza perché mettono in discussione l’idea tanto diffusa che la consapevolezza, e i percorsi spirituali, siano giochi da ragazzi, viaggi senza rischi, incoraggiandoci a dubitare delle risposte facili.

 

Laura De Rosa

mirabilinto.com

 

Laura De Rosa

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Laura De Rosa il 11/01/2018
Categoria/e: Primo piano, Rassegna Etica.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2018 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655