OM, sillaba sacra e magica: ecco perché ripeterla più volte al giorno

Ognuno di noi ha un cuore che batte in modo unico e irripetibile.
Mi piace pensare che ogni battito sia una canzone con una musica e delle parole ben precise.
Quando siamo piccoli conosciamo benissimo la melodia del nostro cuore e ci divertiamo a cantarla a squarciagola.
Crescendo capita invece di dimenticarla, di stonarla o di snaturarla, cambiandone le parole o la melodia, credendo, in quel modo, di far felici e di meritare l’approvazione, il rispetto e l’amore delle persone a cui teniamo di più.
Per farlo usiamo la mente e non il cuore, affidandoci alla parte più razionale di noi.
Ritrovandoci a cantare canzoni anche bellissime, ma non nostre però, ci sentiamo tristi e insoddisfatti.
Ma è proprio la nostalgia della nostra essenza, della musica e delle parole della nostra canzone, che ci permette di diventare ciò che siamo nati per essere.

Un modo per risintonizzarci con la nostra essenza e ritrovare la nostra vibrazione originale è intonare l’OM.
L’OM è una sillaba sacra, simbolo dell’origine dell’intero cosmo.
È l’essenza dell’energia vibrante, la scintilla dalla quale è scaturita la creazione.
É il “Verbo”, il “Consolatore”, menzionato nel Vecchio e nel Nuovo Testamento, nei Veda indiani, nei testi buddisti e nella letteratura sufi. Da millenni i santi, i mistici e i ricercatori spirituali di tutte le tradizioni lo utilizzano per raggiungere stati di profonda armonia, guarigione e realizzazione spirituale.
In  sanscrito è un singolo carattere, mentre in inglese viene rappresentato da tre lettere: AUM, che vengono pronunciate come una sillaba.

“A” sta per Aspirazione di realizzare la perfezione e la potenza dell’intero Universo in noi, “U” sta per Unione con l’Universo, “M” sta per Manifestazione dell’Universo in noi, con noi e attraverso di noi.
Quando si canta la “A” e la coscienza va all’ombelico, la mente si calma.
Il canto della “U”, nel chakra del cuore, porta lucidità e gioia.
La “M”, con la consapevolezza al terzo occhio, dona beatitudine alla mente.

Ripetendo l’OM assorbiamo energia  e ci nutriamo di luce, purezza e infinito ad ogni respiro.
Si dice che, una volta esperti, ripetendo l’OM ogni giorno per ore, si possa ottenere la vibrazione di questo suono cosmico nel nostro cuore.
Questo ci permette di entrare in contatto con la Beatitudine Infinita, dalla quale si è manifestata la creazione e di “ricordare la nostra canzone”.

Si crede che tutti i testi sacri provengano dall’OM, che quando un fanciullo piange, nel suo petto risuoni l’OM. Che quando un mendicante sieda sulla riva dell’oceano, le sue orecchie odano l’OM che si sprigiona dalla forza delle onde e che quando il poeta mormori l’OM nasca in lui l’ispirazione.
E ancora che il praticante, che con la disciplina, avrà plasmato e affinato i suoi sensi, sarà in grado di cogliere l’OM in ogni vibrazione presente nel cosmo, dal canto degli uccelli al mormorio di un ruscello, al rombo del torrente, al picchiettio della pioggia, al fragore del tuono, al sibilo del vento.

La magica sillaba sarà presente in ogni momento della sua esistenza, innalzando l’animo suo, poiché la consapevolezza dell’OM annichilisce le forze divisive del pensiero, sviluppando nel praticante l’umiltà e la compassione, conducendolo alla pace, alla saggezza e all’equilibrio psico fisico.

Nelle Upanisad (testo sacro) si legge:

“Om distrugge i peccati;
Om, senza sforzo, elargisce ricchezze;
Om procura la liberazione.
Da Om nacquero gli Dei;
da Om nacquero gli astri;
da Om tutto quest’Universo formato dai tre mondi e degli esseri animati e inanimati.
Come olio che fila in getto continuo,
come ronzio di campana che lontano rintocca,
è l’indicibile risonanza della sillaba Om.”

Ogni vibrazione nel corpo umano e nell’universo emerge dall’OM, viene sostenuta dall’OM e ritorna all’OM.
Per questo, ovunque siamo, il suono OM è già lì, dobbiamo solo entrarci dentro.
Entrando nel profondo di noi stessi, nel nostro cuore, troveremo una goccia dell’infinita Pace.
Si dice che ogni goccia sia un oceano in miniatura perché in ogni goccia è racchiuso il segreto di tutto un oceano.

Io personalmente ascolto e canto questo mantra, da cui si dice abbiano avuto origine tutti gli altri mantra, usando il cd contenuto nel libro “Om – The Sound Of Mala”, cantata dal maestro Choa Kok Sui, scomparso pochi anni fa, perché gli sono particolarmente legata.
Dovete sapere che più é elevata spiritualmente la persona che intona l’OM, più la vibrazione prodotta sarà potente, come tutti i benefici che potremo ottenere, per questo é utile scegliere cd registrati da grandi maestri spirituali e usarli come voci guida.
Nel cd che uso io sono contenuti 108 OM: 108 come i piccoli semi che formano una mala che è un filo di grani che molti buddhisti usano quando recitano i mantra. La mala, oltre ai 108 semi piccoli, contiene un seme più grande che rappresenta il pieno sviluppo delle nostre potenzialità, rappresenta chi siamo nati per essere.
Quindi questi 108 OM vanno intesi come un vero e proprio percorso spirituale che ci libera dalle paure, dalle preoccupazioni, dalle illusioni, dai vortici mentali che hanno “snaturato” la nostra canzone.

Ascoltando e cantando l’OM possiamo pulire ed energizzare i nostri chakra e tutti gli organi e le ghiandole ad essi collegati, rimuovere lo stress e le energie psichiche negative, creare un ambiente energeticamente pulito, rilassato e spirituale ed elevare la nostra coscienza e consapevolezza.
Pensate che anche tenendo il cd ad un volume molto basso, la vibrazione dell’OM agisce sul nostro corpo, sulla nostra mente, sul nostro spirito e sull’ambiente che ci circonda.
E allora provate anche voi ad ascoltare o a cantare l’OM con una certa frequenza, risintonizzandovi con la vostra vibrazione originaria, con la vostra canzone, scoprirete che ogni uomo è un Universo in miniatura perché in ogni uomo è racchiuso il segreto di tutto l’Universo.

Chiara Benini

Bibliografia
Om” – The Sound Of Mala, Master Choa Kok Sui, EIFIS editore.
La divina risonanza mantra e nada yoga“, Rosanna Rishi Priya, Edizioni Mediterranee.
“Om. Conoscere e usare la vibrazione più potente dell’universo”, Joseph Bharat Cornell, Amanda Editore.

Chiara Benini

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Chiara Benini il 11/09/2017
Categoria/e: Chicche di Yoga, Primo piano.

Chiara Benini, educatrice di Asilo Nido, insegnante di yoga, di pilates e di danza moderna per bambini. Quello che cerca di insegnare a tutti i suoi allievi è ad aprire il proprio cuore perchè quando il cuore è aperto tutti i luoghi sono "casa" e tutte le persone sono "amici". Su Eticamente cura la rubrica "Chicche di Yoga".

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655