Wi-fi sui treni: un pericolo per la salute

Ormai è diventata abitudine viaggiare sui treni italiani navigando in internet utilizzando il proprio  computer. La Codacons però lancia un allarme riguardo le onde elettromagnetiche originate dai dispositivi wi-fi:  “supera complessivamente i limiti fissati dalla legge, e rappresenta pertanto un potenziale pericolo per la salute dei passeggeri”.

Questa denuncia arriva in seguito ad un rilevamento sulle carrozze di Trenitalia e di Ntv: si è registrato un superamento dei limiti del 60,4 % su di un treno e addirittura del 272% a bordo di un altro.

La Codacons ha presentato il proprio esposto alle Procure di Roma, Milano, Torino, Bologna e Firenze, ai Ministeri dell’Ambiente e della Salute e all’Arpa al fine di riportare al rispetto delle soglie massime  consentite.

Sappiamo tutti che l’esposizione prolungata e massiccia alle onde magnetiche ed elettromagnetiche è una variabile decisa per l’insorgenza di molti tumori.

Ringraziamo, quindi, la Codacons che ha potuto rilevare queste scorrettezze invisibili ai nostri occhi e alle nostre orecchie e speriamo che i treni italiani riescano a risolvere al più presto la situazione.

Fonte: Corriere.it

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 09/10/2012
Categoria/e: Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655