Questa è la stagione dei colori caldi, l’autunno tinge la terra di sfumature dorate, pennellate arancioni e spruzzi cremisi, non c’è un periodo dell’anno più bello per incontrare la natura che si prepara per il riposo invernale.

Foglie D'acero In Tempura

In Giappone è tradizione festeggiarlo ed onorarlo proprio come la primavera che regala agli spettatori umani delicati colori rosa, si trovano luoghi che paiono magici grazie alle piante che vi sono, ha anche un nome particolare questa tradizione: momijigari (紅葉狩), che è formata da momiji (紅葉), “foglie rosse” o “albero di acero” e da kari (狩り) che significa “caccia”, momijigari infatti significa proprio “caccia alle foglie rosse”, e a Hokkaidō si chiama kanpūkai (観楓会) che viene tradotto letteralmente “andare insieme a vedere le foglie”.

Durante questo periodo è facile incontrare bancarelle di ambulanti che vendono uno snack molto particolare: il Momiji Tempura che altro non sono che le foglie di acero in pastella (da qui anche Maple tempura).

Foglie D'acero In Tempura

Questo snack ricavato dalle foglie della pianta dell’acero è molto in voga e la sua entrata nella cultura gastronomica tradizionale giapponese risale addirittura 1300 anni fa, quando un pellegrino preso dalla bellezza degli aceri della cascata Minootaki (vicino ad Osaka) decise di friggere alcune foglie nell’olio di colza e di condividerle con altri viaggiatori.

Solo nel 1910, quando venne aperta la stazione ferroviaria e il parco vicino a Minootaki, il Minoh Park, ci fu il boom di questo piatto così particolare, l’aumento dei turisti in cerca di souvenir e di particolarità, fece nascere la vendita della tempura di acero nei negozi lungo il sentiero che conduce alla cascata, ancora oggi è possibile acquistare i sacchetti tradizionali pieni di foglie di acero.

Foglie D'acero In Tempura

Per preparare questo piatto si usano le foglie gialle della varietà Ichigyouji, ma se si vuole dare un colore in più allo snack si possono anche utilizzare quelle rosse.

Le foglie vengono scelte con cura, selezionando quelle con la forma migliore, vengono lavate e lasciate immerse in acqua e sale per circa un anno prima di essere fritte in olio di sesamo zuccherato (questa procedura è tipica giapponese per un gusto salato, ma si possono realizzare gli snack dolci anche senza lasciare le foglie a bagno).

foglie_acero_tempura_5

Queste foglie non hanno un sapore particolare, anzi a dire il vero il loro gusto è piuttosto neutro, per questo motivo si deve fare una pastella per la tempura un po’ più saporita rispetto al normale.

Ricetta delle foglie d’acero in tempura

• Foglie di acero mature (gialle o rosse, non quelle verdi) lavate ed asciugate
• Una tazza di farina
• Una tazza di acqua ghiacciata
• Un uovo (non indispensabile)
• Zucchero
• Sesamo (se vi piace)
• Vaniglia (se vi piace)
• Olio per la frittura

Dopo aver lavato ed asciugato accuratamente le foglie di acero preparate la pastella in una ciotola tipo boule in vetro o acciaio, rompete l’uovo, aggiungete la farina setacciata e l’acqua freddissima, mescolare lentamente con una frusta e poi aggiungere zucchero, semi di sesamo e/o vaniglia.

Lasciate riposare un po’ la pastella e intanto scaldate l’olio di semi, fate la prova con una goccia di pastella, se si gonfia immediatamente appena la mettete nell’olio allora è pronto altrimenti lasciate scaldare ancora un po’.

Foglie D'acero In Tempura

Ora immergete le foglie nella pastella e poi mettetele subito nell’olio bollente, bastano pochi minuti per lato per dorarle a sufficienza.

Alcuni preparano le foglie spennellandole di succo d’acero e lasciandolo cristallizzare, prima di passarle nella pastella per rendere lo snack più saporito, se invece volete provare a farle salate lasciatele immerse in acqua salata almeno per una notte e poi asciugatele e preparate una pastella senza zucchero e senza vaniglia.

E’ uno snack perfetto da sgranocchiare passeggiando attraverso i colori della natura oppure accoccolati sul divano davanti al camino, il gusto dolce-amarognolo delle foglie si sposa perfettamente con questa stagione magica.

Valeria Bonora
Guarda il mondo attraverso i miei occhi