Terremoto Emilia: la volpe salvata torna in libertà

Abbiamo parlato tanto del terremoto che mesi fa ha colpito duramente l’Emilia ma non ci siamo mai soffermati a scrivere degli animali coinvolti.

Nel centro di recupero della fauna selvatica “Il Pettirosso” si trovano ancora circa 50 animali domestici che dopo il sisma hanno perso il loro compagno umano.

Nei mesi scorsi ha trovato la libertà un cucciolo di volpe maschio che durante una scossa di terremoto era rimasto intrappolato nel crollo di un fienile. Durante le operazioni di soccorso l’avevano sentito latrare e l’hanno salvato. E’ stato curato e nutrito nel rifugio e appena si è dimostrato in grado di affrontare la vita in modo autonomo (soprattutto capace di procurarsi del cibo) è stato liberato.

Dall’inizio dell’anno al rifugio sono arrivati circa 3000 nuovi ospiti e con l’arrivo del terremoto c’è stato un picco notevole: sono giunti sì animali domestici e selvaggi feriti ma anche esotici fuggiti da gabbie e da voliere.

Piero Milani, il responsabile del Pettirosso, spiega: “Molti ci hanno anche portato i loro animali, come cacatua, cincillà o criceti, che non potevano tenere con sé in tenda o in auto”.

In tutto il rifugio ci sono circa 5000 animali ospitati che attendono un compagno umano per poter vivere una vita più serena.

Fonte: Ansa.it

 

 

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 30/09/2012
Categoria/e: Animalismo, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655