Popcorn nocivi: ottiene risarcimento per danni ai polmoni

Wayne Watson, un uomo di 59 anni del Colorado, si è ammalato a causa dei popcorn.

Il suo sbaglio è stato quello di ingerire due confezioni di popcorn al giorno per circa 10 anni. Lo sbaglio dell’azienda che li ha prodotti è stato quello di inserire un additivo nel burro artificiale utilizzato nei popcorn, e non indicato sull’etichetta.

Watson ha denunciato sia la catena di supermercati che vendeva il prodotto sotto accusa sia l’azienda produttrice, la Gilster-Mary Lee. Ed il tribunale gli ha dato ragione costringendo i responsabili a pagare un risarcimento di sette milioni di dollari.

L’additivo responsabile dei danni ai polmoni è stato tolto dal prodotto e prima di questo caso aveva procurato problemi respiratori anche ai dipendenti che si occupavano della produzione dei popcorn.

Questa vicenda fa riflettere.

Innanzitutto per l’eccessivo consumo di un cibo non proprio genuino, e in secondo luogo per la pericolosità che possono avere gli additivi diffusi nei cibi preconfezionati.

Ecco perchè vi consigliamo di preferire cibi preparati in casa e di variare molto nell’alimentazione, preferendo alimenti naturali e con poco condimento.

 

Fonte: Ansa.it

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 22/09/2012
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655