Allarme zecche in Australia

L’allarme zecche è stato lanciato dal Sydney Morning Herald, dopo che si sono moltiplicati i casi di paralisi dovuta alle punture si questi acari.

Un particolare tipo di zecca rilascia tossine nocive per i cani che iniziano ad avere dei tremolii, perdita di pelo, vomito, paralisi e poichè la tossina attacca i muscoli respiratori, si presentano difficoltà respiratorie e soffocamento.

Secondo i dati del Sydney Morning Herald i casi di paralisi dovute alle zecche sono raddoppiati, nell’intera Australia, durante gli ultimi due anni. Ma i veterinari sostengono che il numero sia destinato ad aumentare nei prossimi anni, visto che solo in questo anno, da gennaio ad oggi ci sono già stati 2700 casi registrati di paralisi dovute alla zecca.

Questo parassita si moltiplica molto più facilmente nelle stagioni calde e lo specialista Peter Higgins conferma la tesi dicendo: «Quest’anno abbiamo avuto un inverno piuttosto mite, che è la condizione perfetta per la riproduzione di tali animali», inoltre l’estate non sarà di certo d’aiuto per riuscire a bloccare il proliferarsi di questo acaro.

Questa zecca è pericolosa per tutti gli animali ma anche per i bambini.

Di seguito una piccola guida per identificare e rimuovere le zecche dal vostro animale. Ricordate che se la zecca è su di voi o su di un bambino non basta rimuoverla ma occorre far visita al medico o all’ospedale.

Il modo migliore per trovare le zecche su cani e gatti è quello di passare le mani su tutto il corpo. Controllate che non siano presenti zecche ogni volta che l’animale torna da una zona notoriamente infestata (in particolare dove hanno sostato greggi di pecore, o su campi incolti).

Le zecche si localizzano più spesso attorno alla testa, le orecchie, il collo, e tra le dita, ma possono trovarsi in qualunque zona del corpo. Se si trova una zecca, questa va rimossa prontamente. Non fatevi prendere dal panico: prima assicuratevi che ciò che state per rimuovere sia davvero una zecca. Scostate il pelo e osservatela con attenzione, cercando di verificare che abbia le zampe. A molti cani i proprietari hanno tentato di rimuovere capezzoli, nei, foruncoli, cisti, piccoli tumori o noduli cutanei scambiandoli per zecche. Nel dubbio, portate l’animale dal veterinario. Rivolgetevi ad un veterinario anche nel caso non riusciate a rimuovere quella che vi sembra una zecca, o se dopo la rimozione esce sangue.

  • NON toccate la zecca con le mani nude.
  • NON schiacciate la zecca.
  • NON applicate alcol, benzina, vaselina o qualunque altra sostanza sulla zecca.
  • NON utilizzare una sigaretta accesa o un fiammifero.

Applicare sostanze varie sulla zecca o cercare di bruciarla la spinge a rigurgitare nell’animale, trasmettendogli eventuali agenti infettivi o sostanze tossiche di cui è portatrice.Utilizzando un paio di pinzette, afferrare la zecca più vicino possibile al punto di infissione, dove si trova il rostro conficcato nella pelle, e tirate delicatamente con un movimento costante, verso l’alto, senza torcere o spingere. Eventualmente immobilizzate la cute accanto alla zecca con le dita dell’altra mano.

Dopo l’estrazione ponete la zecca in un recipiente ermetico (ad esempio un barattolo) contenente dell’alcol per farla eventualmente identificare, e lavate l’area in cui era infissa con un disinfettante. Verificate di aver rimosso anche il rostro, se possibile. Se il rostro rimane impiantato, tuttavia, non vi sono conseguenze per l’animale; si può eventualmente tentare di estrarlo con un ago sterile. È normale che nel punto in cui la zecca era infissa si formi successivamente un piccolo nodulo (un granuloma causato dall’infiammazione) che può restare per alcune settimane. Se notate rigonfiamenti anomali, sanguinamenti, infezioni (pus o rossore eccessivo), perdita di pelo nella zona, portate subito l’animale dal veterinario.

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Potete memorizzare il nostro sito per averlo sempre a portata di mano e non perdervi mai una novità cliccando QUI e poi su aggiungi ai preferiti del vostro browser

Se avete trovato l’articolo interessante e in qualche modo utile cliccate su “mi piace” per diventare Fan e e condividete con gli amici attraverso il vostro social preferito (trovate le icone in fondo alla pagina)!

 

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 20/09/2012
Categoria/e: Animalismo, Primo piano.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655