Triturazione di Pulcini Vivi: la Germania dice BASTA

Ve ne avevamo già parlato di questa pratica brutale e direi anche piuttosto barbara di tritare i pulcini maschi VIVI, i video sono strazianti per chiunque abbia un minimo di empatia e sensibilità, ma anche per chi non ne ha, infatti il lavoro di “sessatore di pulcini” non lo vuole più fare nessuno, in fondo come si fa a stringere tra le mani un giallo batuffolino pigolante e decidere se vivrà o morirà? Che poi anche questa scelta di farli vivere non è che sia delle migliori, infatti se i maschi hanno un destino segnato, le femmine non vivono una vita degna di questo nome, le viene tagliato il becco attraverso una macchina apposita che la condannerà ad una vita di dolore, viene stipata in stie dove non può aprire le ali e senza un pavimento adeguato alle sue zampette, viene sfruttata fino alla morte per produrre uova su uova… e se si ammala o ferisce di sicuro non viene curata, per gli allevatori sono solo dei numeri e praticamente nessuno spende soldi per curare una gallina, preferiscono lasciarle morire tra atroci sofferenze.

A farmer veterinary walks inside a poultry farm

I pulcini maschi non servono a niente ai fini della produzione delle uova, non vale la spesa di farli crescere, sono un surplus, uno scarto di “lavorazione”, una scocciatura di cui liberarsi e in fretta e quindi come si fa con la spazzatura li si riduce al minimo triturandoli vivi… si non viene neppure speso un centesimo in una sorta di anestetizzante, che so… qualcosa che li stordisca prima come succede nei macelli per le vacche, questi esserini appena venuti al mondo vengono gettati in cassette di plastica, uno sull’altro e poi svuotati come rifiuti dentro una macchina che semplicemente li trita. Molti rimangono agonizzanti, rotti, spaventati, incastrati… altri muoiono più in fretta… forse sono i più fortunati.

Sono milioni ogni anno quelli che vengono triturati vivi, ma c’è qualcuno che ha detto BASTA a questa pratica: la Germania che è diventato il primo Paese al mondo a decidere di rendere illegale questa pratica entro il 2017.

In Germania ogni anno vengono uccisi 45 milioni di pulcini maschi, gli attivisti per i diritti animali hanno vinto una battaglia (non la guerra ma è già qualcosa): hanno fatto cedere il governo che ha trovato una pratica alternativa all’uccisione, o per meglio dire alla triturazione, perchè di fatto i pulcini maschi vengono ancora uccisi, seppur prima della loro nascita.

Un gruppo di scienziati della UnileverUSA ha infatti affermato di poter costruire un’incubatrice che può determinare il sesso del nascituro prima che nasca, in questo modo le uova che saranno generatrici di maschi verranno impiegate in altre lavorazioni; la domanda sorge spontanea: “rischieranno i tedeschi di trovarsi  un pulcino nella propria frittata?” Probabile, ma le uova fecondate presentano tutte questo rischio e lo corrono anche i consumatori di uova di altri paesi.

Triturazione di Pulcini Vivi

Il ministro dell’Agricoltura tedesco, Schmidt, ha confermato che tutte le aziende che producono uova  saranno dotate di queste “macchine tecnologiche” entro la fine del 2016… macchine tecnologiche? La tecnologia serve ad uccidere prima della nascita? Evidentemente si, ma se l’alternativa è la triturazione allora forse è una scelta migliore per evitare sofferenze a questa creature.

Un’altra alternativa arriva da Hans-Ulrich Uber, direttore della Protezione svizzera degli animali, e sarebbe quella di creare un nuovo incrocio di polli adatti sia al mercato delle uova che a quello della carne… modifica del dna? Clonazione? OGM?

Niente da fare, la soluzione migliore sarebbe dire veramente BASTA al consumo di uova, in modo che non ci siano più “scarti di produzione“, inoltre non pensiate che sia sufficiente comprare le uova fresche dall’amico che ha le galline allevate in terra perchè il grosso acquirente di uova non è il singolo individuo, ma le grandi aziende che con le uova producono di tutto dalla pasta, ai dolci, alla maionese…

Triturazione di Pulcini Vivi

Quindi l’unica soluzione sembra essere quella di non mangiare più nessun tipo di prodotto contenente uova e prima di replicare voglio chiedervi di vedere il video a fine articolo, girato durante un’investigazione sotto copertura in una grande industria delle uova in Israele, se pensate che sia lontana dalla vostra realtà vi sbagliate, ovunque accade, altre investigazioni hanno pubblicato gli stessi risultati, gli stessi video, un altro famoso è quello girato da Mercy for Animals nello stabilimento di Hy-Line nello stato dell’Iowa, e sono le leggi europee a stabilire che i pulcini maschi debbano essere eliminati tramite gassificazione (un altro bel metodo n.d.r.) o triturazione.

Attenzione: le immagini riportate in questo video potrebbero urtare la vostra sensibilità, e si spera che sia così.

Il video è girato dalla prospettiva di un pulcino appena nato… attraverso i suoi occhi.

Ora ditemi che quando vi troverete davanti ad una frittata non penserete a quanti batuffoli gialli sono stati triturati per quel singolo ovetto che avete nel piatto, ricco di colesterolo che non fa neppure troppo bene!

Valeria Bonora

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 29/10/2015
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2018 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655