6 step per amare se stessi ed essere felici

Amare se stessi non è un’illuminazione che arriva da un giorno all’altro e allo stesso tempo non è un qualcosa che si va cercando nel mondo. È una cosa che abbiamo già ma che non permettiamo a noi stessi di viverlo.

Durante il mio percorso, chiamato vita, ho vissuto di alti e bassi e ancora adesso, in quanto essere umano, mi capita di ritrovarmi in basso, ma ora so dove devo andare e per me è più facile rialzarmi perchè so in che direzione riportare il mio corpo, la mia mente e i miei passi.

Vivendo da solo a Londra negli ultimi 5 mesi ho riflettuto ogni giorno, ho letto tanti libri, essendo un vero e proprio ossessionato dal benessere e dall’amore per se stessi. Cerco sempre di andare oltre, di scoprire fin quanto si puo varcare il limite e cosi dopo tantissimi tentativi e tante cadute, avendo provato tantissime tecniche di self love, ho messo a punto 6 step per amare se stessi che voglio condividere con tutti voi.

1- Smettila di criticarti

 amare-se-stessi-specchio

Si, quante volte ci siamo guardati allo specchio e abbiamo pensato cose come “quanto sono grasso”, “guarda che capelli che ho oggi” o “quante rughe mi stanno venendo” o un serie di vorrei come “vorrei gli occhi azzurri”, “vorrei i capelli lisci” e via dicendo.

Tutte queste critiche ci allontanano dalla felicità perchè tra tutti questi vorrei non c’e tempo per noi stessi, per ciò che siamo davvero.

Quante volte vi capita di non volervi guardare allo specchio per paura di essere brutti… qualcuno odia davvero la propria immagine.

Ok, che vi piaccia o no…. siamo cosi, come ci vediamo e ci capiterà milioni di volte di doverci guardare allo specchio.

Vogliamo davvero avere milioni di esperienze negative con il nostro riflesso? Con qualcosa che non possiamo cambiare?

Amate quell’immagine!!!

Seriamente.

Trovate un posto tranquillo, e guardatevi allo specchio.

Non giudicatevi, non cercate rughe, difetti e capelli bianchi.

Semplicemente focalizzatevi su quelle piccole cose che di voi vi piacciono.

Diventate amici di voi stessi… chiedetevi scusa per tutte le volte che vi siete tratti male.

Non avevate i mezzi necessari, la conoscenza che avete adesso, ditevelo.

Guardatevi negli occhi e ripetete: “Mi perdono x tutte le volte che mi sono fatto del male, non avevo la consapevolezza che ho  adesso. Mi amo e mi accetto completamente cosi come sono, la mia intera vita è nelle mie mani e ho deciso che oggi sarà il giorno più bello di sempre”.

So che può sembrare stupido e semplice ma col tempo diventerà un esercizio potentissimo.

L’ideatrice del lavoro allo specchio è Louise Hay che io seguo da anni ormai. Provate per 30 giorni e guardate se avvengono cambiamenti.

2- Prenditi il tuo tempo

 

morning-routine

Ho imparato col tempo che siamo cosi pieni di impegni, così stressati che ci fiondiamo giù dal letto al mattino e iniziamo a pensare a tutto ciò che dobbiamo fare durante la giornata.

Leggiamo mail, messaggi, cose di lavoro direttamente dal letto.

Lavoriamo ancora prima di andare a lavoro.

Ok stop.

Createvi una morning routine.

La morning routine è uno dei giochi più potenti di sempre. Consiste nel creare un rituale da applicare tutte le mattine. Ognuno può crearne una personale.

Voglio condividere la mia per darvi un esempio.

Svegliatevi presto e direttamente dal vostro letto iniziate a pensare alle cose per cui siete grati oggi. Dite grazie nella vostra mente x ogni singola cosa che vi rende felici, per ogni singola persona, sentite l’amore per ognuno di loro e dite grazie. Andate in cucina e preparatevi un bicchiere d’acqua calda con mezzo limone spremuto dentro e bevetelo.

Sarà come fare una doccia interna per tutti i vostri organi.

Se siete abituati e volete farlo, ora è il momento giusto per fare meditazione, altrimenti una bella doccia calda con della musica di sottofondo è l’ideale.

Usate la fantasia: accendete candele, incensi, musica… tutto ciò che vi possa dare estrema calma e relax usatelo e godetevi la doccia.

Fate una colazione leggera, meglio se a base di frutta e succhi, vi daranno l’energia giusta per affrontare la mattinata con positività.

Aggiungete dei punti, togliete o modificatene altri, ma rendete la vostra morning routine potente e le vostre giornate miglioreranno sensibilmente.

3- Critiche? Non sono un vostro problema!

Freedom concept. Escaping from the cage

Questo è ciò su cui io lavoro ogni giorno, per me il punto più difficile.

La vera libertà arriva quando non ci prendiamo più cura di ciò che pensano gli altri di noi.

Pensateci un attimo.

Quante cose avreste voluto fare ma non avete fatto per paura di offendere qualcuno, che qualcuno ci rimanesse male, che qualcuno vi criticasse e parlasse male di voi ?

Quante volte avete rinunciato a voi stessi, mettendo al primo posto gli altri?

Questo è amore per se stessi? No, e non è nemmeno amore per gli altri.

Fermatevi a pensare a ciò che volete realmente adesso.

E fatevi queste 3 domande potentissime, in questo ordine:

1- cosa vorrei adesso ?
2- come mi farebbe sentirlo averlo ?
3- perchè non ce l’ho ancora ?

Ricordate che ci sarà sempre qualcuno che ci criticherà, giudicherà o a cui non andranno bene le nostre scelte. Qualcuno proverà anche a farci sentire in colpa ma ricordate che nessuno sa cosa c’e dentro di voi, nessuno sa cosa avete passato e di cosa avete bisogno, nessuno sa il vero motivo che ci spinge a prendere determinate strade e noi non possiamo controllare i pensieri degli altri, quindi… perchè ossessionarci?

4- Ciò che metti dentro al tuo corpo diventa parte di te

cibo-sano

Nella mia vita ho passato tutte le fasi alimentari, quindi posso dire di intendermene abbastanza di cibo, anche se non sono un medico nè aspiro ad esserlo.

Sono stato onnivoro, vegetariano, vegano e crudista al 100%.

Ho sperimentato tantissime cose su di me, e letto e conosciuto altrettante persone vegane e crudiste arrivando alla conclusione che la salute e di conseguenza la felicità partono anche dalla nostra tavola.

Si può essere felici ma malati?

Non credo che ci sia qualcuno malato che possa definirsi realmente felice.

Per me sono due cose che vanno di pari passo.

Essere sani per me significa essere felici, ma possiamo essere sani e cioè felici solo se il nostro corpo funziona correttamente.

Per aiutarlo in questo suo immenso compito possiamo applicare varie strategie. Eccole.

Digestioni veloci: l’ideale sarebbe abolire tutti i cibi processati, raffinati, gli zuccheri, i dolcificanti, i cibi elaborati e i derivati animali, preferendo un’alimentazione proveniente dalla terra, non dai laboratori alimentati.

I latticini, la carne, i grassi sono tutte cose che rallentano la digestione, in questo modo il corpo ha bisogno di tantissima energia per digerire, che toglie al resto del corpo.

Comprate un libro di ricette, e provate a giocare con i piatti.

Provate a invertire il contorno di insalata come piatto principale al posto della pasta e divertitevi.

Ci sono milioni di ricette di insalate crude sul web, potete aggiungere pomodori, carote, peperoni, quinoa, miglio, orzo, spinaci, noci, mandorle e tantissime altre cose. Questo è un gioco per esprimere anche la vostra creatività. Ed è anche il modo migliore di mangiare in abbondanza, senza doversi preoccupare del colesterolo, dei grassi, e senza doversi sentire in colpa e appesantiti subito dopo.

Se iniziassimo a mangiare meglio, più sano, più frutta e verdura, il corpo userebbe quell’energia di cui aveva bisogno per digerire i prodotto raffinati, per guarire, riparare e tenere in buono stato il vostro corpo.

Questo ovviamente, vi farà sentire più freschi, più vitali, giovani, pieni di energia e ovviamente più positivi.

LEGGI ANCHE —> Si può vivere di solo crudismo? Intervista a Daniele Murroni

5- Imparate a dire no al vostro capo

dire-di-no

Lo so, il nostro capo ci chiama di domenica mattina, nel nostro unico giorno di riposo e ci chiede di correre a lavoro a sostituire qualcuno che sta male.

Vi chiama proprio oggi che avevate organizzato quell’escursione in montagna, con vostra moglie, quel picnic con il vostro fidanzato al parco, con il sole primaverile o quella domenica la mare con i vostri figli e cosa rispondete al vostro capo ? OK, ci sono!

Non solo, ma ci fiondiamo giù dal letto di corsa perchè  non vogliamo lasciare il nostro capo nei guai, perchè ci sentiamo come se senza di noi il mondo andasse in fiamme.

In questo caso chi sta andando in fiamme siete voi, che rinunciate al vostro giorno libero, è la vostra famiglia a cui avevate promosso del tempo insieme e tutte questo senza nemmeno ricevere il premio nobel per la Pace.

A parte gli scherzi! Esercitatevi a dire no, sulle piccole cose se non volete davvero fare.

Dite no al giocattolo dei vostri figli anche se piangono, dite no ai vostri amici se non volete uscire una sera, se non volete mangiare la pizza o non volete andare in quel preciso locale, dite no senza esitare, e non tiratevi indietro.

Questo vostro No, varrà molto di più di ogni vostro si detto a malincuore!

E quando il vostro capo vi telefonerà, capirete che dicendo <No, non sono in zona, ho gàa organizzato il mio tempo, mi dispiace>, ci saranno altre persone da chiamare, che copriranno la persona che si e data malata e che non scoppierà il mondo, nè il vostro ufficio.

Darete al vostro capo l’impressione di essere sicuri di voi stessi, decisi e il vostro SI, la prossima volta, sarà molto più apprezzato.

Ma soprattutto vi sentirete davvero padroni di voi stessi!

6- Fate sogni profondi!

 uomo-che-dorme

Ho scoperto questo punto proprio su me stesso, perchè appena arrivato a Londra, per i primi mesi non riuscivo mai a dormire, ero stressato, pensavo sempre al lavoro e  mi svegliavo sempre stanco e nervoso.

Il segreto per sprofondare in sonni profondi è quello di andare a dormire calmi e sereni.

La modalità con la quale andate a dormire, determinerà l’inizio della giornata successiva. Se andate a dormire in ansia vi sveglierete in ansia, e sicuramente avrete dormito male.

Ma se andate a dormire rilassati e calmi, il vostro corpo non avrà nessun impedimento emozionale e riuscirà a dormire profondamente, a rigenerarsi e a svegliarsi completamente riposati e pieni di energie.

La prima cosa da fare è andare a dormire a stomaco vuoto: fate una passeggiata dopo cena, lavate i piatti, fate pasti leggeri. Questo è di grande aiuto per il vostro sonno.

Aggiungete a questo una meditazione di 5 o 10 minuti direttamente seduti o sdraiati sul vostro letto, a luci soffuse.

Chi pratica già meditazione, sicuramente conosce i magnifici effetti positivi.

Chi invece si trova per la prima volta faccia a faccia con essa, ecco un trucchetto potentissimo.

Cercate su youtube qualsiasi video di meditazioni guidate, quelle di Louise Hay o Brian Weiss sono le mie preferite, sedetevi o sdraiatevi e semplicemente ascoltare cio che la voce guida del video vi dice di fare.

Cercate di rilassare ogni singolo organo, ogni singolo muscolo e di sprofondare in un rilassamento profondo fino a scivolare nel sonno.

Applico ormai ogni notte questa meditazione prima di dormire e non ho mai dormito cosi profondamente in tutta la mia vita.

Questi 6 step hanno rivoluzionato drasticamente la mia vita!

Daniele Murroni

pagina FaceBook di Daniele Murroni

Redazione EticaMente.net

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Redazione EticaMente.net il 22/04/2015
Categoria/e: Anteprima, Rassegna Etica.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655