Le motivazioni alla base della scelta vegetariana o vegana

Essere vegetariani vuol dire decidere di non nutrirsi di carne e pesce. Diventare vegani è invece la scelta di non cibarsi di qualsiasi alimento animale e anche di derivazione animale (quindi no a latte, formaggi e via dicendo).

Due decisioni importanti che abbracciano una filosofia di vita molto più ampia del solo aspetto culinario: solitamente, infatti, chi intraprende questo percorso è una persona animalista contraria a qualsiasi sfruttamento e maltrattamento animale, è un individuo attento alle tematiche ambientali. Diventare vegetariani o vegani, quindi, è una scelta di vita con motivazioni profonde e ragionate.

Abbiamo voluto chiedere a chi ha già scelto questo cammino le ragioni della propria decisione. Per fare questo ci siamo rivolti a due gruppi molto frequentati del famoso social network Facebook e vogliamo riportare le risposte che ci sono giunte.

Per ragioni etiche, ecologiche, salutistiche e umanitarie è la risposta più diffusa. Piercarlo scrive “perchè il mio corpo non è una tomba“, Veronica dichiara “perchè siamo ciò che mangiamo“, Monica dice “per il rispetto degli altri esseri umani, non sfruttando indiscriminatamente le risorse degli altri paesi ma sostenendo un tipo di alimentazione in grado di dare a ciascuno il diritto al cibo di cui ha bisogno e per il rispetto della vita degli animali, che non sono cose o macchine per produrre cibo ma meravigliosi esseri viventi al nostro pari”.

Ma perchè il solo fatto di nutrirsi di animali è un’azione altamente inquinante e non etica? La risposta di Wladimiro è utile a comprendere questo fatto, egli afferma che “gli allevamenti intensivi sono in gran parte causa del buco dell’Ozono (il 18% che sale al 40/50% con i trasporti di animali vivi e morti, mentre macchine, navi ed aerei ne sono la causa per il 13,5%), a questo aggiungiamo l’eutrofizzazione dei mari, a causa dei liquami dei 20 miliardi di animali che in questo momento sono negli allevamenti intensivi e che produce le piogge acide, il tutto dà origine al gas serra. E per finire milioni di km2 di terra, specie nei paesi poveri come Etiopia e Somalia vengono coltivati per far mangiare gli animali degli allevamenti intensivi dell’occidente mentre quei bambini muoiono di fame”.

Anche l’essere contrari all’allevamento intensivo animale può essere una ragione che spinge verso la scelta vegetariana: Francesca dice “semplicemente, non condivido lo sfruttamento (animale o umano che sia) e la situazione degli allevamenti intensivi, trovo più accettabile cacciare un animale per nutrirsene rispetto al farne nascerne e vivere in “lager” con lo scopo di morire“. Anche Paola afferma “ho scoperto che la fettina o il salume che mettevo nel piatto portavano dietro di sè un’enorme sofferenza animale, inquinamento, ormoni e antibiotici … decisi di non voler più essere coinvolta in questi orrori, ne sono rimasta talmente colpita che da un giorno all’altro ho eliminato la carne totalmente senza averne il minimo desiderio. Sono felice della mia scelta la rifarei 1000 volte”. E ancora Massimo scrive: ” dopo aver letto Gabbie vuote di Tom Regan sono diventato vegetariano a 13 anni… un giorno mi sono fermato a guardare la foto di una mucca senza le mammelle gonfie di latte e mi sono detto “perchè devo farla soffrire per un mio piacere futile?” e allora sono diventato vegan…a 15 anni”

Essere vegetariani o vegani, quindi, è anche un modo per rifiutare la violenza. Valeria a tal proposito dice “vegan perche’ la violenza porta altra violenza.. vegan perche’ sono fornita di mani per raccogliere frutta e non per tenere un coltello, vegan perche’ la mia vita è importante quanto quella di chiunque altro… vegan perche’ i piu deboli vanno abbracciati e accompagnati, non certo sfruttati e uccisi”.

Insomma alla base di questa scelta vi sono molteplici motivazioni raggiunte mediante l’informazione ed un percorso interiore spesso lungo ed impegnativo!

Ringraziamo chi ha voluto condividere con noi le proprie esperienze e speriamo di aver aperto la strada verso una riflessione personale su chi siamo e cosa vogliamo essere!

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 24/08/2011
Categoria/e: Animalismo, Primo piano, Scelte Animaliste, Vegetarismo e Veganismo.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655