terre-originali-bando

Terre Originali, un’iniziativa per valorizzare i terreni incolti

In Italia sono presenti oltre 4 milioni di ettari di terreni incolti. Una parte di questi terreni, circa 338 mila ettari sono di proprietà pubblica.

E’ da questi dati che nasce la nuova iniziativa Terre Originali, nelle Langhe (Piemonte), con lo scopo di valorizzare quei terreni che, altrimenti, potrebbero restare abbandonati e inutilizzati divenendo, col tempo, vittima di dissesto idrogeologico.

Terre che possono rivelarsi una preziosa risorsa per costruire una nuova economia che crea lavoro e sviluppo e difende l’ambiente.

Un progetto che, oltretutto, permette di assegnare terre pubbliche a tutti quei giovani che si vogliono avvicinare all’agricoltura.

Così facendo, dunque, si dà una grossa opportunità a tutti quei giovani che hanno voglia di investire nel settore agricolo e, al tempo stesso, la comunità locale di riferimento può rivestire un ruolo fondamentale per sostenere e incoraggiare il ricambio generazione e il ritorno dei ragazzi alla terra.

Un progetto che vuole facilitare l’interazione fra i terreni incolti e i giovani imprenditori agricoli

giovani-agricoltoriSi stima, infatti, che nell’arco dei prossimi 5-10 anni alcune migliaia di aziende agricole italiane saranno a rischio di chiusura a causa di una difficoltà nel tramandare il business in famiglia.

Al tempo stesso, però, migliaia di giovani inattivi o con scarse prospettive future si stanno dimostrando attratti dalla possibilità di un ritorno alla terra e dall’occasione di contribuire ad alimentare i sistemi locali di produzione agricola per la difesa e la preservazione del proprio territorio.

Terre Originali ha l’obiettivo, pertanto, di avvicinare e facilitare l’interazione fra i terreni incolti o abbandonati e i giovani imprenditori agricoli attraverso un modello che, pur nel rispetto delle tradizioni e della qualità dei prodotti, dei luoghi, delle persone, porti con sé chiari elementi di innovazione.

Non ultima, la volontà di attrarre con questo progetto nuovi investimenti di piccola e media scala nel settore agricolo e agroalimentare, rilanciando il lavoro e valorizzando il territorio e l’identità della sua comunità.

A chi è rivolto il bando di Terre Originali?

terre-originali-2015Il bando è rivolto ai singoli individui, ma anche a gruppi di persone che intendono costituirsi in forma cooperativa, società di persone o società di capitali, alle organizzazioni attive da non più di quattro anni e ai consorzi, reti d’imprese o altri raggruppamenti di soggetti giuridici attivi o costituendi.

Il bando si rivolge in particolar modo a imprenditori agricoli o aspiranti tali che abbiano un’età inferiore a 40 anni: giovani appassionati della natura e del settore agroalimentare, attualmente in cerca di lavoro o che sognano di riconvertirsi a nuovi mestieri, che siano pronti a trasferirsi in una zona particolarmente vocata all’agricoltura.

I luoghi coinvolti nel progetto Terre Originali

I luoghi coinvolti riguardano Langhe Monregalesi, tra Ceva, Mondovì, Dogliani, Clavesana, Carrù e Cherasco (Cuneo).

Si tratta di un territorio biodiverso nel quale, oggi, è possibile praticare non una sola ma varie agricolture: vite, nocciolo, allevamento di pecore, capre, vitelli, frutta di vario genere, orticole, miele, seminativi di cereali antichi.

La selezione dei 10 finalisti, invece, è prevista per il 15 Febbraio 2015.

terre-originali

Cosa viene offerto ai finalisti?

Ai dieci finalisti viene offerto:

• Orientamento nella selezione dei campi, delle colture o delle attività. Questa attività viene svolta attraverso visite, accesso al database dei terreni incolti, prima discussione con altre aziende agricole;

• Assistenza alla revisione del piano d’impresa, attraverso un workshop con esperti (altri agricoltori, agronomi, esperti di trasformazione alimentare, distributori, etc..)

Ai vincitori del bando:

• Supporto nella predisposizione del piano d’impresa dettagliato

• Concessione dei terreni senza canone per 3 anni

• Supporto nell’individuazione e partecipazione a bandi per il finanziamento a fondo perduto e per l’accesso al credito agevolato

• Assistenza per l’individuazione di processi e attività da svolgere in collaborazione con altre aziende agricole e inserimento nei network territoriali e regionali di filiera

• Assistenza nell’individuazione di risorse umane qualificate

• Assistenza legale per l’ottenimento di autorizzazioni

• Assistenza nell’attività di marketing, nella distribuzione e commercializzazione

• Due anni di assistenza tecnica agronomica, legale, commerciale e finanziaria (a tariffe scontate del 50%)

Come partecipare

Il bando con tutte le informazioni utili per partecipare al concorso Terre Originali, e i contatti per chiedere ulteriori chiarimenti, potete trovarlo nell’apposito sito dedicato all’evento.

Segnaliamo anche la pagina Facebook e la pagina Twitter di Terre Originali, con tutte le ultime novità relative al concorso.

Daniela Bella