Biodiversità a rischio: ma la colpa di chi è?

Uno studio pubblicato su Nature rivela una verità triste e amara: le foreste tropicali appositamente protette al fine di tutelare la biodiversità purtroppo non sono sufficienti per garantire la sopravvivenza di specie in via d’estinzione come alcune farfalle, diverse piante, alcuni primati e predatori.

Uno studio fondamentale che non ha precedenti: tantissimi i dati raccolti e numerosi gli studiosi coinvolti.

Un dato chiave che emerge da questa analisi è che i cambiamenti esterni alle riserve protette le influenzano negativamente: la caccia illegale, i disboscamenti, gli incendi e lo sovrasfruttamento delle risorse naturali provocano danni ambientali disastrosi che si ripercuotono anche all’interno delle foreste tropicali tutelate.

William Laurance, coordinatore di questo approfondito studio dichiara: “Queste aree protette sono la nostra ultima speranza di mantenere in vita le foreste tropicali e la loro straordinaria biodiversità. Ma molte di quelle studiate stanno per “affondare”.

Una dichiarazione che mette tutti in guardia: se non tuteliamo il nostro territorio in modo urgente nemmeno le foreste tropicali possono salvare la biodiversità.

 

Fonte: Corriere.it

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 26/07/2012
Categoria/e: Ambiente, Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655