Non c’e’ collegamento fra il sisma di questa mattina avvenuto al largo di Ravenna e quello che ha colpito il modenese e in generale, l’Emilia, nei giorni scorsi. Lo conferma Franco Mele, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Si e’ trattato di un terremoto avvenuto a circa 25 chilometri di profondita’, all’estremita’ orientale di quello che definiamo ‘arco ferrarese’ che si estende fino al ravvenate, opposta all’occidentale dove e’ avvenuto il sisma dell’Emilia.

Infatti si parla di una nuova faglia, ma intanto la gente di Ravenna, stamani alle 6:08 di mattina si è trovata scaraventata nella paura da una scossa di magnitudo 4.5 che per fortuna non ha causato danni proprio perche’ il sisma e’ avvenuto in profondita’ e al largo e quindi l’energia si disperde man mano che ci si allontana dall’ipocentro.

Questo sisma, avvenuto in mare e legato all’attivita’ del margine settentrionale dell’Appennino, sepolta sotto la Pianura Padana, e’ stato avvertito fino nelle Marche e lungo tutto il litorale delle province di Pesaro-Urbino e Ancona.

Secondo la Protezione Civile, al momento non si registrano danni a persone o cose.

“Non abbiamo avuto segnalazioni di danni, salvo da parte di un liceo classico di Ravenna dove potrebbe esserci una lesione e si stanno facendo i controlli necessari”. Lo ha detto ai microfoni di Sky il sindaco della citta’ Fabrizio Matteucci.
“Abbiamo sentito la scossa distintamente, c’e’ stata preoccupazione. La citta’ sta anche ospitando persone gia’ colpite dal terremoto in Emilia”.

Continuano le telefonate ai centralini del vigili del fuoco del Pesarese e di Ancona di persone allarmate. Vengono segnalate la caduta di alcuni calcinacci da un vecchio palazzo del centro storico di Pesaro, in via Sabatini, che secondo i pompieri potrebbe però non essere stata provocata dal terremoto ma intanto la via è stata transennata.

A Rimini: «Al momento della scossa – spiega Francesca, abitante del borgo San Giovanni a ridosso del centro storico – gli antifurto delle auto parcheggiate in strada hanno iniziato a suonare. La scossa è durata diversi secondi e si è avvertita molto bene anche nelle case ai piani bassi».