Sabato è accaduto un fatto gravissimo. Una bomba dinnanzi ad una scuola è un attentato alla conoscenza, alla cultura, alla gioventù.

Ragazzi che crescono, che imparano, non più bambini ma non ancora adulti: gli ideali stanno sbocciando, il carattere si sta delineando. Vogliono essere indipendenti ma hanno ancora bisogno di rassicurazione e protezione. Forti ma ancora deboli, si stanno preparando ad entrare nella vita adulta!

Decidere di attaccare la scuola è come attaccare un fiore che sta sbocciando: è un atto vile perchè il fiore è indifeso.

Purtroppo questo fatto gravissimo è avvenuto:le parole, le spiegazioni, le lacrime possono solo dare un minimo e superficiale sollievo al dolore.

Melissa non c’è più.

La sua giovane vita è stata bloccata da una bomba che ha voluto dare un messaggio di violenza.

Un attacco alla vita, alla conoscenza, alla giovinezza.

Speriamo che la vita spezzata di Melissa non sia servita a seminare terrore e paura ma al contrario faccia mettere in moto in tutti noi il motore della giustizia, dell’attività costruttiva e del cambiamento.

Involontariamente ti sei resa simbolo di vita! Ciao Melissa!