La LIPU (Lega Italian Protezione Uccelli) si sta impegnando a fondo contro il bracconaggio e ha scelto come testimonial per la  sua campagna il noto inviato di Striscia la Notizia Edoardo Stoppa dove nel video, che trovate allegato, invita invita il pubblico a firmare l’appello della LIPU e a documentarsi sulla grave situazione del bracconaggio nel nostro Paese.

Il giornalista che lo ha intervistato afferma “Oggi è una grande giornata perché si pone un tassello importante nella lotta impari contro il bracconaggio. Per la quale, nonostante i tanti volontari impegnati, non si fa mai abbastanza”.
Dal suo ipad, Stoppa firma “in diretta” l’appello al ministro Catania con cui si chiedono più risorse per il Corpo forestale dello Stato, e promette di proseguire nell’impegno di documentare direttamente, dagli schermi di Canale 5, gli episodi di violenza contro gli animali selvatici. “Occorre tener duro – dice Stoppa – perché i bracconieri sono persone senza scrupoli. Dobbiamo continuare a occuparci di bracconaggio e sconfiggere, insieme alla LIPU, questo fenomeno”.
“Ringraziamo Edoardo Stoppa del prezioso appoggio che dà alla nostra campagna – dichiara Fulvio Mamone Capria, presidente LIPU – Siamo certi che con il suo supporto otterremo risultati importanti e una più forte tutela per i nostri animali selvatici, vittime a migliaia di un’inaudita ferocia”.

Lo slogan della campagna contro il bracconaggio è un messaggio forte “I bracconieri spezzano le nostre ali. Noi possiamo spezzare le loro reti”. La Lipu è alla ricerca di fondi e in continua ad informare l’opinione pubblica sugli atti di illegalità commessi contro gli animali selvatici in tutto il Paese. La LIPU propone inoltre un appello per chiedere al ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania di garantire le risorse necessarie al Nucleo operativo antibracconaggio del Corpo forestale dello Stato affinché rafforzi le proprie attività in difesa della fauna selvatica.