Strage di randagi in Ucraina, diciamo basta!

Ne avrete sicuramente sentito parlare, ne avrete visto alcune immagini girando sulla rete o su qualche telegiornale, di sicuro è un tema non trattato ampliamente come dovrebbe ma la strage di randagi che si sta svolgendo inUcraina non può passare inosservata.

Il massacro è stato messo in atto in previsione degli Europei di calcio Polonia Ucraina del 2012 per i quali si necessita di strade “pulite” e presentabili, è per questo hanno pensato bene di ammazzare i cani randagi e di bruciarli poi in forni crematori mobili.

Ventimila tra cani e gatti randagi sono stati uccisi a bastonate, fucilati e avvelenati. Alcune voci riportano di cani gettati nei forni ancora vivi o in bidoni della spazzatura agonizzanti o anche in enormi fosse comuni ricoperte poi dal cemento.

 

Venerdì 6 Aprile e Sabato 7 Aprile durante le partite di Sassuolo – Modena e Cesena  - Bologna, gli attivisti della LAV, insieme ai tifosi che hanno a cuore sia lo sport sia la tutela degli animali, hanno esposto striscioni con l’appello “il calcio fermi la strage dei randagi in ucraina”.


La Uefa cerca di prendere le distanze dallo scandalo della strage di cani e gatti randagi, secondo i dirigenti è stato fatto tutto il possibile nei confronti delle autorità ucraine.

Ma il silenzio di Uefa e sponsor danno l’idea di come il giro d’affari di milioni di euro, che ruota intorno all’evento sportivo, condizioni le menti di chi dovrebbe dire e fare qualcosa.

L’organo che governa il calcio europeo, capitanato da Platini, si è limitato a dissociarsi dal massacro e a riferire di aver a suo tempo stanziato soldi per la costruzione di canili in Ucraina, canili che però non si sono fatti.

Era stata proprio la Uefa internazionale, un anno fa, a scrivere ai colleghi ucraini per invitarli a risolvere il problema dei troppi cani per le strade di Kiev, certo non suggerendo comunque un metodo così disumano.

 

Tanti i video di protesta, ve ne voglio mostrare uno ma se andate sul canale di youtube ne potete vedere altri che mostrano anche in maniera più cruda questa realtà.

Non fate finta di niente, divulgate questo scempio, boicottate gli europei, fate sentire la vostra voce.

 

 

 

 

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 10/04/2012
Categoria/e: Animalismo, Anteprima, Maltrattamento.

Eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, ama l’arte in ogni sua forma e gli animali. Le piace leggere e scrivere ma soprattutto comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Lascia un commento

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail

Articoli Correlati

Ultimi articoli pubblicati

SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2014 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655