La leggenda dell’Agnello di Dio

Questo è un racconto che trovai alcuni anni fa su un giornale cattolico. Mi è piaciuto così tanto che decisi di ritagliare la pagina e ancora oggi lo tengo sul frigorifero della mia cucina . Mi piace leggerlo alle mie figlie, in modo che lo prendano come esempio e  che imparino che con la prepotenza non si ottiene nulla.

Dopo che Dio ebbe creato gli animali si accorse che nacquero delle rivalità tra di loro. Alcuni, i più forti e i più arroganti, vessavano quelli più deboli, e questo Lo faceva soffrire. In particolare, notò che l’agnello era proprio senza nessuna difesa. Così lo mandò a chiamare:

– Non ti piacerebbe avere qualcosa con cui difenderti?

-Certamente -rispose l’agnello.

– Che ne dici di un paio di zanne acuminate?

– Mi diventerebbe molto più difficile brucare l’erba tenera, quella appena nata, che a me piace tanto…

– Che ne dici, allora, di due poderosi artigli?

– Finirei per usarli a sproposito….

– E se ti dessi una saliva avvelenata?

-Finirei per essere odiato, come i serpenti…

– Che ne dici di due robuste corna?

– Con le corna, chi mi accarezzerebbe più?

– Ma allora tu non vuoi proprio fare del male a nessuno?

– No, Signore, non vorrei proprio…

Dio allora pensò di dargli come arma la dolcezza. Da allora l’agnello divenne simbolo di innocenza e purezza, grazie al suo manto bianco. Da allora, un Rabbi galileo, un saggio, lo prese come modello e ancora oggi i Suoi seguaci lo chiamano Agnello di Dio.

Marina Cau

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Marina Cau il 16/04/2014
Categoria/e: Animalismo, Primo piano.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655