Joanne Milne era sorda dalla nascita, era affetta dalla sindrome di Usher e per quarant’anni non aveva mai sentito alcun suono. Grazie ad un impianto cocleare , una specie di orecchio elettronico artificiale, Joanne ha potuto sentire per la prima volta in vita sua la voce di qualcuno.

Dopo quaranta anni di silenzio le prime parole sentite sono quelle della terapeuta che per testare l’impianto le declama i sette giorni della settimana… una sorta di iniziazione… Lunedì, Martedì, Mercoledì… L’emozione è stata filmata e di seguito potete vederla, ma non potrete mai immaginare cosa deve aver provato Joanne a sentire la sua voce per la prima volta, dopo 40 anni di vita vissuta nel più assoluto silenzio.

La sindrome di Usher è una rara patologia genetica e congenita: in particolare è una malattia autosomica recessiva che provoca una sordità alla nascita associata ad una graduale perdita della vista a causa dellaretinite pigmentosa. [Fonte Wikipedia]

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici?

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente su Pinterest e su Twitter e non dimenticate di iscrivervi alla newsletter, presto tantissime novità!!