8 Consigli per Proteggerci dal Bisfenolo A

L’Efsa, l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare, ha indetto una pubblica consultazione sulla propria bozza di valutazione dei rischi per la salute umana derivanti dall’esposizione al bisfenolo A.

Il bisfenolo A (BPA) è una sostanza chimica impiegata come monomero nella produzione di policarbonato per articoli come bottiglie riutilizzabili per bevande, contenitori per la conservazione e rivestimenti epossidici di alcuni barattoli di latta per alimenti e lattine per bibite.

L’esposizione al BPA sembra abbia un effetto avverso su reni e fegato, sul sistema riproduttivo, nervoso, metabolico, immunitario e cardiovascolare nonché effetti genotossici e cancerogeni, alterazioni della ghiandola mammaria ed effetti tossici generali.

Un nuovo studio americano mette in correlazione il BPA con i tumori epatici.

In attesa di una legge che regolamenti l’utilizzo di questa sostanza nei contenitori atti al contenimento dei cibi, noi possiamo proteggerci adottando degli accorgimenti nel nostro quotidiano.

1) Consumare acqua del rubinetto

Nelle bottiglie il BPA è sicuramente presente e contamina l’acqua che beviamo, quindi è preferibile bere l’acqua del rubinetto o utilizzare bottiglie in vetro.

2) Le bottiglie di plastica o le lattine in alluminio

Cercate di evitarle anche per altre bevande, come thè, succhi di frutta o bibite gassate. Scegliete le bibite in bottiglie di vetro o Tetra Pak e se le preparate in casa confezionatele in bottiglie di vetro. (I contenitori in Tetra Pak non contengono bisfenolo A. La plastica utilizzata per questi contenitori è costituita interamente da polietilene e polipropilene).

Leggi anche ->Bottiglie di plastica, è pericoloso usarle più volte

3) Fate uso della “vecchia borraccia”

Borraccia in alluminio riciclabile al 100% della SIGG

Al posto della bottiglietta di plastica cercate di tornare all’uso delle borracce riutilizzabili, ma fate attenzione che siano certificate “BPA Free” o ancora meglio in alluminio ecosostenibile. Oltre a fare bene a voi farete bene anche all’ambiente limitando i rifiuti plastici.

4) Prodotti confezionati

Cercate di evitare cibi confezionati in sacchetti di plastica, vaschette o lattine, uno studio pubblicato dall’Environmental Health Perspectives, ha dimostrato che alcune famiglie che hanno adottato questi accorgimenti, in soli 3 giorni, avevano ridotto i livelli di Bpa nelle urine in media del 66% e quelli di ftalati del 53-66%. Le famiglie oggetto di questo studio sono poi tornate a consumare cibi confezionati e i loro valori sono tornati alle quantità precedenti all’esperimento.

5) Le lattine della passata

Il BPA viene anche utilizzato per il rivestimento di lattine per legumi, passate o pelati, cercate di preferire i cibi contenuti in vasetti in vetro o Tetra Pak.

6) Limitare l’uso del microonde

Non tanto per l’eterna diatriba sul fatto che le microonde facciano o meno male, ma per i contenitori che si vanno ad utilizzare per la cottura o il riscaldamento. Troppo spesso si usano contenitori in plastica che contengono BPA che viene ceduto agli alimenti durante la cottura o il riscaldamento. Quindi sarebbe meglio utilizzare contenitori in pirex, vetro, ceramica o terracotta.

7) Le posate e le stoviglie di plastica

Tutti i cibi che vengono conservati o consumati in piatti o bicchieri di plastica o con posate di plastica sono potenzialmente a rischio di contenere e rilasciare del BPA, anche per quanto riguarda i mestoli o gli utensili di cucina, meglio preferire quelli in acciaio o in legno. Inoltre le stoviglie di plastica inquinano moltissimo, non vengono riciclate nella plastica e creano davvero un danno ambientale enorme, quindi suggerisco di non usarli neppure se etichettati “BPA Free“.

8) Giocattoli

Controllate anche i giocattoli dei vostri bambini, soprattutto quelli dei più piccini che tendono a portare tutto alla bocca. Cercate di fare attenzione, controllarne la provenienza e il marchio CE. Potete scegliere giochi in legno o stoffa, e magari acquistare quelli equosolidali (qui trovate dei giochi bellissimi -> Commercioetico.it)

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici?

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente su Pinterest e su Twitter e non dimenticate di iscrivervi alla newsletter, presto tantissime novità!!


Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 21/03/2014
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655