Sapevate che fare la pipì in piscina fa male ai polmoni, al cuore e alle vie respiratorie? Ecco il perché: i composti contenuti nell’urina mischiati al cloro possono generare l’insorgenza di sostanze chimiche che sono state associate a difficoltà respiratorie.

A rendere la notizia ufficiale è stata una ricerca condotta dalla “China Agricultural University” in collaborazione alla “Purdue Unversity”, pubblicata su ‘Envitonmental Science & Technology.

I ricercatori dopo aver effettuato vari esperimenti in laboratorio, hanno rivelato l’acqua raccolta in alcune piscine cinesi con sostanze che si avvicinano molto alla composizione chimica del sudore e dell’urina.

Il cloro che viene utilizzato per disinfettare le piscine reagirebbe con molte sostanze chimiche secrete dal corpo umano, soprattutto con l’acido urico contenuto nella pipì dando così vita a sostanze ritenute pericolose.

Gli studiosi han rilasciato queste dichiarazioni in merito: “la clorurazione dell’acido urico inciderebbe a sua volta alla formazione del cloruro di cianogeno nelle piscine, generando una sostanza, dannosa per i polmoni, il cuore e il sistema nervoso centrale attraverso l’inalazione”.

Il cloruro di cianogeno può interessare e quindi colpire i polmoni, il cuore e il sistema nervoso centrale con l’inalazione. I ricercatori hanno poi concluso: “dato che l’introduzione dell’acido urico nelle piscine è attribuibile all’urinazione, queste scoperte indicano che potrebbero esserci importanti benefici all’acqua e all’aria se i nuotatori migliorassero le proprie abitudini igieniche”.

Insomma sicuramente adesso siamo al corrente di ciò che potremmo andare incontro, quindi evitiamo di fare pipì in piscina e cerchiamo di farla prima! Voi cosa ne pensate di questo studio?

[Fonte contenuto: http://www.tgcom24.mediaset.it/]

[Fonte immagine: http://www.pianetamamma.it/]