Guarisce da un tumore cambiando alimentazione. Il servizio de Le Iene

Nella puntata di ieri sera, 5 marzo, Le Iene hanno intervistato Antonio, un uomo che era malato di tumore.

Nel 2003 Antonio ha scoperto di avere un tumore nel polmone destro. E’ stato operato e per alcuni anni è stato bene. Nel 2009 però una lastra ha rivelato la presenza di un tumore all’altro polmone, quello sinistro. E’ stato nuovamente operato e sottoposto a chemioterapia.

Nel 2011 gli hanno trovato una metastasi al cervello.

Nel servizio de Le Iene viene fatta vedere la TAC del cervello di Antonio con evidente la macchia di circa 3 cm che è il tumore. Viene sottoposto allora a radioterapia che riesce a far diminuire la macchia ma rimane grande circa 2 cm, quindi pur sempre pericolosa per la salute dell’uomo.

Gli viene allora proposta un nuovo ciclo di chemioterapia ma Antonio rifiuta: la prima volta è stato troppo male e non vuole ripeterla. Decide allora di lasciarsi andare alla malattia, di non curarsi, si arrende…

Il figlio di Antonio però non ci sta a questa arresa. Inizia a fare le sue ricerche in internet. Come lui stesso dice nell’intervista, in rete ci sono tante cose false ma anche tante cose vere. Inizia a informarsi e a leggere libri e arriva a comprendere l’importanza della correlazione tra l’alimentazione e le malattie.

Scopre, come lui stesso afferma, che le proteine animali tendono ad aumentare i fattori di crescita di un tumore. Togliendo le proteine animali il tumore non trova il nutrimento e muore o almeno regredisce.

Il figlio di Antonio propone allora al padre questo cambiamento alimentare: l’uomo però non vuole provare questa strada. Antonio però cambia idea quando un giorno gli arriva un sms da parte del figlio in cui c’è scritto “Papà forse non ci crederai ma io ti voglio bene, quindi siccome sei qua a far nulla, ad aspettare… forse è meglio far qualcosa”. Antonio, spinto dalle parole del figlio, accetta.

Decidono allora di farsi seguire da una dottoressa specializzata in nutrizione oncologica, Michela De Petris, che lavora all’ospedale San Raffaele di Milano.

In che cosa consisteva il cambiamento alimentare? Come dice la stessa dottoressa bisognava “spostare l’alimentazione il più possibile sui cibi vegetali”. E aggiunge: “Ormai è evidente e scientificamente provato che le proteine di origine animale e i cibi raffinati infiammano e acidificano l’organismo e tutte le evidenze scientifiche ormai sono a favore che tutti i cibi vegetali facciano bene per la terapia delle malattie”.

Antonio ha iniziato questo cammino nutrendosi solo di succhi di verdure verdi a foglie larga che beveva durante la giornata. Antonio ammette che, non abituato a mangiare tanti vegetali, questi succhi faceva fatica a berli ma se pensava alla chemioterapia lo sforzo di berli era solo una passeggiata.

Questa prima fase è chiamata “disintossicazione acuta”, poi ha ampliato la sua alimentazione: il cibo era sempre 100% a base vegetale con il 70-80% di crudo e per il restante il cibo era cotto.

In due mesi Antonio ha perso 18 chili.

Dopo tre mesi con questa alimentazione ha rifatto la TAC: il tumore era sparito!

Per vedere l’interessantissimo servizio de Le Iene cliccate qua.

Come ha sottolineato la dottoressa De Petris “non c’è una malattia che non si giovi del miglioramento dello stile di vita alimentare. Cambiando alimentazione in tanti casi è possibile guarire da patologie” e rivolgendosi alle persone malate che l’ascoltano dice “non farsi prendere da facili entusiasmi ma non farsi neanche scoraggiare, cambiare stile di vita alimentare serve sempre” . E ancora aggiunge: “Il cibo è la prima medicina che ci possa essere”.

E noi aggiungiamo che è sicuramente meglio cambiare alimentazione prima di ammalarsi: si sa che prevenire è meglio che curare…

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 06/03/2014
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655