Sopprimono la gatta perchè non la vogliono più

E’ una notizia uscita il 28 Febbraio ma purtroppo comunque allucinante, ve la riporto per farvi anche conoscere le leggi a proposito di tale abominio.  Succede a Trento dove una coppia decide di separarsi e non volendo nessuno dei due prendersi in carico la loro gatta pensano bene di farla sopprimere del veterinario.

Il codice penale parla chiaro – dichiara Silvia Gelmini della LAV Trentino – vieta tassativamente l’uccisione di cani e gatti a meno che gli animali non siano gravemente malati e incurabili. Ciò che le cronache riportano è un fatto è gravissimo e punibile con la reclusione da 4 mesi a due anni”.

A tal proposito c’è anche un precedente caso dove un veterinario e il direttore del servizio veterinario di sanità animale dell’ASL dell’Aquila, sono stati condannati a 70 giorni di reclusione per aver soppresso nel 2004 dei cuccioli di cane perfettamente sani.

Quindi in casi di soppressione di animali sani si fa ricorso all’articolo 544 bis del Codice penale “uccisione per crudeltà o senza necessità”. Il proprietario dell’animale non ha più la possibilità di decidere delle sorti del proprio animale, ma ha precisi obblighi e doveri nei suoi confronti e non può in nessun caso infliggere sofferenze o eutanasia se non in caso di improvvisa gravità.

Ora la povera gatta di Trento che è stata soppressa per un motivo così banale sarà sicuramente un altro caso da usare come deterrente perchè altri animali sani non vengano soppressi perchè non si sa più dove metterli.

Ilaria Innocenti responsabile nazionale del Settore cani e Gatti LAV incaricata di seguire questo caso dice: “Qualora le accuse fossero confermate, ne dovranno rispondere non solo i coniugi che ospitavano la gatta, ma anche il veterinario che ha effettuato la soppressione di un animale sano ed è proprio per far piena luce sul gravissimo episodio che la LAV valuterà l’azione legale da intraprendere.”

Sperando di non sentire più notizie come questa, concludo dicendo che ci vorrebbero pene un po’ più severe per certi crimini.

 

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 05/03/2012
Categoria/e: Animalismo, Notizie dalla Lav, Primo piano.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655