Allarme AIFA: mercurio e cortisone in creme sbiancanti, importate illegalmente!

Una bella bianca, liscia, morbida e vellutata: questo il sogno di molte donne che, per ottenere il risultato sperato, ricorre all’uso di creme, originali o meno, che possono nascondere pericoli per la nostra salute.

Secondo quanto denunciato da AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), infatti, molti di questi prodotti sono irregolari o contraffatti e, se usati a lungo e su parti estese del corpo, posso causare una serie di danni che non riguardano solo la pelle, come iperpigmentazione, ipertricosi o comparsa di strie cutanee simili a smagliature, ma anche l’intero organismo, per gli effetti derivanti dall’assorbimento cronico dei componenti, come per esempio diabete, ipertensione arteriosa o malfunzionamento dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene.

Questi prodotti vengono venduti illegalmente anche in Italia come semplici cosmetici, in quanto non vengono registrati come medicinali nei Paesi di provenienza.

Immagine da: www.ansa.it

E non ci si rende conto di cosa ci sia realmente dietro la loro produzione. Dai diversi principi attivi notoriamente velenosi, come il mercurio, a quelli autorizzati come ingredienti di medicinali dermatologici (corticosteroidi) e, soprattutto, a quelli che hanno effetti a lunga durata ed elevata potenza, come il clobetasolo o il betametasone.

Sostanze, queste ultime, in tutta l’Unione Europea, prodotte e commercializzate nel rispetto delle rigorose regole comunitarie dettate a difesa dei cittadini, ma in diversi stati extraeuropei, inserite in cosmetici poi venduti attraverso canali non regolati da norme sanitarie e che, non di rado, entrano a far parte di commerci illegali.

Ecco nel dettaglio l’allarme lanciato da AIFA:

“Alla luce dei numerosi sequestri di creme ad azione sbiancante e dei rischi per la salute correlati all’uso improprio di questi prodotti, l’AIFA, in collaborazione con l’USMAF di Roma-Fiumicino, ha organizzato il 5 febbraio scorso un seminario dedicato al tema.

La pratica dello sbiancamento cutaneo è diffusa in molti paesi e può essere definita come l’uso abitudinario, a fini estetici, di sostanze in grado di ridurre l’intensità della pigmentazione di una cute naturalmente scura.

I prodotti utilizzati sono disparati, contengono una grande varietà di principi attivi, spesso associati tra loro, e vengono presentati per lo più in forma di creme che, in diversi stati extraeuropei, sono distribuite come cosmetici oppure vendute attraverso canali non regolati dalle norme sanitarie e che, non di rado, entrano a far parte di commerci decisamente illegali.

Le sostanze dotate di un’attività sbiancante sono numerose e vanno da quelle certamente velenose, come il mercurio, a quelle che, invece, sono regolarmente autorizzate come ingredienti di medicinali dermatologici. Tra queste ultime, sono molto utilizzati per la loro capacità di ridurre la pigmentazione cutanea e, quindi, con finalità estetiche improprie e pericolose, i farmaci appartenenti alla famiglia del cortisone e, soprattutto, quelli a lunga durata d’azione ed elevata potenza quali il clobetasolo o il betametasone. Nel nostro paese e in tutta l’unione europea, questi medicinali sono prodotti e commercializzati nel rispetto delle rigorose regole comunitarie dettate a difesa dei cittadini.

Le creme sbiancanti introdotte illecitamente in Italia, invece, pur contendo corticosteroidi o altri componenti pericolosi non sono registrate come medicinali nei paesi di provenienza, ma sono generalmente vendute ed acquistate come semplici cosmetici o prodotti di libera vendita.

Nel nostro paese, laddove siano prive di AIC, ne è vietata l’importazione, salvo in presenza delle debite autorizzazioni o condizioni (D.Lgs. 219/2006 art. 158 comma 8).

Nel corso delle attività di controllo effettuate dagli uffici di sanità frontaliera e delle dogane, è stato rilevata e segnalata la crescente diffusione delle creme sbiancanti anche nel nostro paese. Tra i prodotti rinvenuti, in carichi di merci o nei bagagli a seguito di passeggeri, rientrano sia medicinali la cui commercializzazione in Italia è regolarmente autorizzata, sia farmaci fabbricati legalmente nel nostro paese ma destinati esclusivamente all’esportazione verso i mercati extra-UE, sia, infine, copie contraffatte o prodotti illegali le cui confezioni recano nomi che imitano i marchi commerciali di creme fabbricate in Italia e riportano la dicitura “prodotto italiano”.

Il seminario è stato l’occasione per approfondire i diversi aspetti del fenomeno, per delineare il quadro del problema e per illustrare i diversi tipi di prodotto intercettati, gli aspetti normativi e regolatori, le cause e le motivazioni dal punto vista psico-sociale che spingono all’uso di queste creme e, soprattutto, i danni che possono derivarne.

Da quest’ultimo punto di vista, è stato evidenziato come le modalità seguite dai soggetti dediti a questa pratica estetica (applicazioni delle preparazioni su superfici corporee molto estese, quotidianamente ripetute e prolungate per mesi o anni) e il frequente ricorso a prodotti di scarsa qualità esponga gli stessi soggetti a conseguenze anche molto gravi per la loro salute.

Quale esemplificazione particolarmente significativa in tal senso, sono stati focalizzati gli effetti dannosi che possono essere provocati dalle creme a base di corticosteroidi – medicinali efficaci e sicuri se impiegati secondo prescrizione medica – quando le stesse sono utilizzate in modo improprio. In tali condizioni possono infatti causare danni rilevanti non solo a livello cutaneo (quali iperpigmentazione, ipertricosi o comparsa di strie cutanee simili a smagliature) ma anche a carico dell’intero organismo (quali diabete, ipertensione arteriosa o malfunzionamento dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene) per gli effetti sistemici derivanti dall’assorbimento cronico del principio attivo.

La conoscenza del fenomeno, lo scambio di informazioni relative ai sequestri di prodotti illegali e/o contraffatti tra gli operatori coinvolti, il rafforzamento dei controlli, in dogana e sul territorio, unitamente ad iniziative di sensibilizzazione sui rischi, rappresentano, rispetto a questa tipologia di prodotto, i principali punti di intervento a tutela della salute pubblica.”

Ma ci rendiamo conto dei rischi che si possono correre? Dobbiamo davvero rimetterci la “pelle” prima che vengano effettuati dei controlli e vengano presi dei provvedimenti?

[Fonte: www.agenziafarmaco.gov.it]

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Daniela Bella

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Daniela Bella il 24/02/2014
Categoria/e: Primo piano, Sostanze Nocive.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655