Sale marino: tanti usi quotidiani

Indispensabile per la vita, il sale contiene tutta l’energia del sole e del mare da cui nasce. Per noi ormai è una sostanza data per scontata, in apparenza quasi insignificante, tanto è comune e poco costosa.

Eppure il sale ad esaminarlo con attenzione è un prodotto della natura davvero straordinario! E’ il frutto di un lungo processo di dissoluzione e purificazione: dalle rocce frantumate e scomposte l’acqua estrae il cloro e il sodio portandoli al mare. Qui il calore del sole mette in atto un secondo lentissimo processo di depurazione e perfezionamento facendo evaporare l’acqua.

Il prodotto finale è il cloruro di sodio sotto forma di un cristallo che nella sua luminosità e nella sua struttura cubica è quasi il simbolo stesso della perfezione. Gli antichi lo consideravano sacro anche perchè al tempo molto costoso; gli alchemisti lo ritengono uno dei tre elementi primordiali insieme a zolfo e mercurio.

Molti ancora oggi attribuiscono al sale poteri straordinari perchè ha assorbito una fortissima energia dall’acqua e dal sole che l’hanno prodotto, un’energia che si sprigiona in tutti i processi fisici e chimici di cui è protagonista, che lo rendono indispensabile per la vita stessa e per la sopravvivenza del nostro organismo.

Il sale è un elemento molto versatile: può essere usato per la propria salute, per il benessere, la bellezza, in cucina e per scopi pratici come l’igienizzazione e detersione degli ambienti.

In cucina, sempre usato nelle minime dosi, è efficace non solo per insaporire e arricchire i cibi, ma anche per la loro preparazione. Il cloruro di sodio ha infatti un’azione depurante che si rende utile anche per lavare e “disintossicare” la frutta e la verdura. Queste, infatti, è consigliabile mangiarle crude e con la bucca, quando è possibile, ma per poterlo fare occorre lavarle bene per rimuovere eventuali tracce di terra o residui di pesticidi. Per eliminare la sporcizia e gli antiparassitari da frutta e verdura, dunque, aggiungere 3 cucchiai di sale e mezza tazza di aceto in una bacinella, quando il sale è ben sciolto aggiungere acqua e immergerci i nostri ortaggi per qualche minuto. Una volta tolti dalla bacinella asciughiamoli semplicemente con uno strofinaccio e gustiamoli crudi con la buccia o cuciniamoli in tranquillità. Il sale inoltre serve ad evitare che eventuali prodotti come mele o patate si anneriscano una volta tagliate.

Per le pulizie in cucina il sale è prodigioso. Grazie alla sua composizione cristallina serve a scrostare e pulire senza agenti chimici e senza danneggiare le superfici. Inoltre grazie alle sue proprietà naturali elimina i batteri. Per eliminare le incrostazioni dalle pentole mettete sul fondo di esse una manciata di sale grosso e poca acqua in ammollo per qualche minuto. Per ottenere pentole più pulite, lucide e brillanti, fate una miscela di sale e aceto e strofinate accuratamente, anche su stoviglie in argento. Una mistura del genere è utile anche per pulire, igienizzare a eliminare i cattivi odori da forno e frigo e freezer senza utilizzare prodotti chimici con il rischio che aderiscano ai cibi intossicandoli.

La proprietà “igroscopica” del sale, ovvero la capacità di assorbire l’acqua e i fluidi, consente di usarlo per eliminare molti tipi di macchie non solo dal bucato.

Il sale attira i liquidi e li ingloba permettendo di toglierli dai tessuti. Per rimuovere ad esempio macchie di vino su tovaglie o tappeti, per macchie di sudore. In caso di macchie di muffa o ruggine sui tessuti, mescolare il succo di un limone con un cucchiaino di sale fino, strofinare e stendere ad asciugare. Questo vale anche per le macchie di muffa e umidità delle pareti: passare un panno inumitido con un cucchiaino di sale e una goccia di olio essenziale di melaleuca (tea tree oil) sulla parete e il gioco è fatto, addio muffa. Il sale è utile anche per assorbire i liquidi penetrati nel legno: quando su un mobile rimane una traccia d’acqua strofinaci sopra qualche goccia d’olio vegetale tipo mandorla o lino e sale, lascia agire mezz”ora circa e rimuovi accuratamente con un panno asciutto.

Conoscete altri usi alternativi del sale?

Maria Galanti

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Maria Galanti il 03/02/2014
Categoria/e: Il Giardino Svelato, Notizie, Primo piano, Rubriche.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655