Avete letto bene: 1050 volpi, soprattutto MAMME E CUCCIOLI saranno sterminate. 

A Treviso i cacciatori avranno il permesso di andare a caccia nelle tane, una pratica doppiamente crudele perchè i cani saranno addestrati ad entrare nelle tane, dove i cuccioli verranno sbranati e le madri in fuga troveranno i cacciatori pronti a prendere la mira coi loro fucili. Questa cosa incredibile durerà la bellezza di 3 anni, e i cacciatori saranno aiutati dagli agenti della polizia provinciale.

Volete sapere il motivo? Ebbene, le volpi essendo predatori di fagiani e lepri disturbano l’attività venatoria dei cacciatori, i quali senza questo predatore naturale avranno libero accesso a questo tipo di “cacciagione”.

Questa decisione dà il via libero allo sterminio dell’ultimo predatore del nostro Territorio, contribuendo all’impoverimento del nostro patrimonio naturalistico. Il fatto ancora più grave è che questo scempio è avvallato e approvato dall’amministrazione pubblica.

La  LAV, insieme a  OIPA, ENPA, e LAC,  ha depositato un  ricorso davanti al TAR di Venezia contro questa scandalosa determina provinciale.

Se volete firmare anche voi e contribuire a fermare questo scandalo POTETE FIRMARE QUI  . 

Mettere una firma non costa nulla e in un caso come questo farlo è un dovere di ogni cittadino, non è solo una questione di animalismo ma è una buona occasione per difendere chi non può farlo.

[Fonte: lav.it]

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici?

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente su Pinterest e su Twitter