Lisciva di cenere: un detergente ecologico e non solo

Non ricordo più quante volte ho sentito mia madre ripetere che i panni venivano più puliti con la cenere, che quel bianco li era naturale, che lei era piccola, ma andava con sua nonna a lavare le lenzuola e che poi erano bianche, disinfettate e profumate. Ora il punto non è solo quanto la cenere, ovvero la lisciva, il detergente naturale che è fatto con la cenere, sia funzionale, lo è, è efficace ed ecologico, ma il punto è anche quanto amore c’è nelle cose fatte insieme, quanto è prezioso il tempo che passiamo con le persone che amiamo e che fanno parte della nostra famiglia, biologica o acquisita che sia e quanto le piccole azioni di ogni giorno siano un momento di condivisione importante.

Velocizzare tutto, lavare in un minuto con un detergente super veloce e super inquinante, non abbiamo tempo per dedicarci a molte cose, ma abbiamo tempo da passare al supermercato per scegliere il detersivo migliore, più efficace.

Provate a pensare, invece, quanto potrebbe essere bello preparare un detergente in casa con vostro figlio-a, con vostra madre, con il vostro compagno-a di vita o con un’amica, se il raccontare fosse ancora parte del fare tutto sarebbe meno asettico e impersonale, il tempo riacquisterebbe un valore. Gli attimi trascorsi con le mani in pasta nelle piccole cose sono quelli che costruiscono le relazioni più importanti della nostra vita, quindi spero che queste brevi indicazioni per preparare la lisciva non siano solo un buon consiglio ecologico, ma uno spunto per trovare un attimo di tempo in più da passare con qualcuno che amiamo, facendo insieme qualcosa che altrimenti ci ruberebbe tempo.

La lisciva è un detergente fatto con acqua e cenere di legna che potete procurarvi da camini e stufe, se ne avete o chiederne un po’ a chi li ha. Non è difficile da fare e può essere usato per il bucato, sia a mano che in lavatrice (si dosa come un detersivo normale), per i pavimenti e le superfici dure e lucide in genere, per i sanitari.

Ecco le indicazioni per prepararla:

Setacciare la cenere con un setaccio dalle maglie non troppo fini poi prendete una pentola capiente e un bicchiere e mettete in proporzione per ogni bicchiere di cenere 5 bicchieri di acqua. Raggiunta la quantità che desiderate mischiate bene il composto e fate bollire a fuoco vivace, continuando a mescolare. Portato tutto a bollore, abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per 2 ore, continuando a mescolare.

Spegnete la fiamma, coprite con un coperchio e lasciate cosi per 24 ore. Il giorno dopo la cenere si sarà depositata tutta sul fondo della pentola: preparate un’altra pentola oppure un catino, mettete un colino e un asciugamano sopra la pentola o il catino e filtrate la lisciva ottenuta. Lasciate cosi per qualche ora, poi togliete il colino e lasciate il liquido riposare per altre 24 ore circa. Ripetete l’operazione 4 volte, finché il liquido non sarà limpido.

Jordana Pagliarani

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Jordana Pagliarani il 30/12/2013
Categoria/e: Primo piano, Soluzioni Ecologiche.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655