Il Cancro… che malattia terribile. Si porta via tante persone e nel farlo le distrugge, sia psicologicamente che fisicamente. Una malattia che umilia, che porta via la dignità; una malattia che non permette di vivere più una vita serena.

Si perdono i capelli cercando di combatterla, si soffrono le pene dell’inferno durante la chemioterapia, si soffre dannatamente sapendo che forse non si potrà vincere. Eppure dietro tutta questa sofferenza ci sono ancora le persone, quelle che sono i nostri parenti, i nostri amici, i nostri compagni che hanno una forza infinita, si perchè il cancro ti toglie tanto ma dà anche la forza per combattere, la voglia di vivere la fa uscire tutta… Ma se solo per un secondo potessimo essere diversi, non malati?

Venti pazienti, malati di cancro hanno partecipato a questo progetto, una sessione di trucco e parrucco dove solo per un secondo hanno dimenticato la loro malattia. Dove sono stati trasformati in altre persone, in un’altra vita.

Durante la trasformazione dovevano tenere gli occhi chiusi… per poi aprirli davanti ad uno specchio mentre un fotografo catturava il loro volto, il loro “secondo“.

Da questo progetto è nato un libro di 60 pagine con le fotografie di Vincent Dixon e dei 20 partecipanti.

Ogni foto è seguita da una didascalia, la data e l’ora dello scatto e, soprattutto, il secondo esatto in cui la persona ha dimenticato la sua malattia.

Con questo libro, il lettore viene portato a sorridere guardando i volti spensierati, e i lettori saranno sorpresi di avere sul proprio volto… un sorriso.

Questo è l’obiettivo del progetto “Se solo per un secondo”… diffondere sorrisi e felicità.

Questo è il video che in meno di 10 giorni ha raccolto quasi 4 milioni di visualizzazioni e centinaia di donazioni per la fondazione responsabile del progetto.

 

 
✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬
Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici?

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente su Pinterest e su Twitter

Tweets di @Eticamente