Chi è solito andare a mangiarsi un panino al McDonald’s si sarà sicuramente chiesto come mai il panino che gli viene servito (sorvolando sul contenuto) sia decisamente diverso da quello che si vede nel cartellone pubblicitario dell’azienda.

Bene questo articolo vuole proprio svelare questo, ma non è solo McDonald’s che presenta un prodotto e poi quando lo si acquista non è proprio quello che ci aspettavamo… E’ questo quello che vogliamo farvi vedere, il mondo aziendale gira tutto intorno alla pubblicità e quando un prodotto “invoglia” ad essere acquistato, il gioco è fatto.

Non è solo una questione di “imbrogliare” il cliente, perchè in effetti non è di questo che si tratta, il prodotto è quello, ma viene come dire “abbellito” o, come si dice sui social quando qualcosa è ritoccato, viene “photoshoppato“.

Questo video vi ripeto non vuole essere una pubblicità all’azienda ma un motivo, un’occasione, per mostrarvi che l’occhio vuole la sua parte e le aziende ci “giocano” pesantemente su questo fatto, in fondo se vedeste un hamburgher molliccio e unto e mezzo vuoto mica vi verrebbe voglia di acquistarlo (non parliamo poi di mangiarlo) ma un panino bello grosso, ben farcito tutto perfetto allora l’occhio comunica al cervello che “vuole quel prodotto“.

Purtroppo l’esempio dell’hamburger non rende giustizia ma vi assicuro che il grande successo dell’azienda è dovuto soprattutto a questo lavoro dietro le quinte… Ma vediamolo insieme…

Visto? ora pensiamo a quante altre aziende usano questo “trucchetto” per rendere appetibili i cibi pubblicizzati e cerchiamo di fare scelte più consapevoli, cercando di acquistare prodotti freschi e da cucinare, evitando i piatti pronti e sofisticati.

Valeria Bonora